Umanesimo del lavoro: la voce della poesia

 Tilgher e Gentile: due voci dal passato, ma così potenti da farsi sentire anche da un presente che voglia progettare su basi nuove l’avvenire. Due voci che ci hanno richiamato alla comprensione che il lavoro è importante non solo e forse non tanto per la sussistenza materiale dell’uomo, quanto per la sua formazione come persona, in quanto attività con la quale si spiritualizza il mondo che ci circonda e se stessi. Due voci che ci mettono in guardia dalla degenerazione del lavoro in pura attività individualistica di accumulo di ricchezza, perché in questo modo il lavoro perde la sua dimensione etica e nobilitante, lasciando il posto alla speculazione finanziaria e all’usura. Tra i poeti che hanno trattato dell’usura, Pound, dopo Dante, è il più noto; la sua adesione al fascismo consistette proprio nella volontà del regime di porre un argine al potere corruttore della ricchezza. Come scrive in Jefferson e/o Mussolini, un paese dove tutto era in vendita, in dieci anni è stato trasformato in un paese dove sarebbe estremamente pericoloso tentare di comprare il governo. Che il paese sia tornato in vendita è una constatazione dell’amaro presente, ma che il denaro trasformato in dio sia la profonda essenza del mondo moderno era già chiaro a Marx che rifletteva, commentando la Questione ebraica di Bruno Bauer, come il denaro avesse spogliato il mondo umano, come quello naturale, del valore loro proprio. Non si tratta però di condannare moralisticamente il denaro: Pound non era contrario in modo aprioristico alla moneta, ma riteneva che essa dovesse coincidere con obiettivi di giustizia sociale. Egli la intendeva come un certificato di lavoro compiuto e per evitare che venisse tesaurizzata e prestata a usura, riprese le teorie di altri economisti eretici della Libera-Moneta, cioè una moneta deperibile come le merci per una piccola percentuale alla settimana. Una perdita di valore che l’avrebbe rimessa subito in circolazione e comunque rigenerabile applicandovi dei bollini, una sorta di tassa per mantenerne intatto il valore – come normalmente ha un costo conservare le merci – che sarebbe stata pagata allo Stato che avrebbe potuto, in tal modo, abolire tutte le altre tasse. Pound scrisse anche che la II guerra mondiale non era scoppiata per un capriccio di Hitler o di Mussolini, ma era un capitolo della millenaria guerra fra l’usurocrazia e chiunque svolga una giornata di lavoro onesto con le braccia o la mente. È l’affermazione che lo porterà in manicomio; ma se sono espressioni da pazzo, dobbiamo concludere che la pazzia è migliore di certa sanità, soprattutto riflettendo sull’attualità di queste parole di Pound: il sistema democratico è di questa natura: due o più partiti si presentano al pubblico, tutti al comando dell’usurocrazia. Per maggiore comodità e per tranquillizzare i gonzi è concesso alla brava gente, all’idealista isolato, di fare un po’ di lavoro pulito finché non tocca i diversi rackets…che sono quelli della finanza e del monopolio della moneta. Dopodiché si troverà sempre qualcuno, tecnico o politico, disponibile a fare il lavoro sporco al servizio dei potentati economici.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.