Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

 

2021 le strade di Roma Capitale, sono tappezzate di centinaia di manifesti elettorali, per le imminenti elezioni amministrative, fra i seriosi e stantii poster, dei candidati, ascrivibili al partito unico liberista,  campeggia un manifesto di rottura, quello del "Movimento Storico Romano Lista Nerone”, si proprio lui, L'Imperatore più bistrattato dalla storia. Il Nerone di oggi si chiama Sergio Iacomoni, conosciuto anche all’estero come Nerone, in quanto leader da quasi 30 anni del Gruppo Storico Romano, attivo nelle rievocazioni dell’antica Roma. «Io, Sergio Iacomoni, alias Nerone, fondatore e presidente del Movimento Storico Romano-Lista Nerone per il quale mi candido a sindaco di Roma, mortaista pesante del 76° Reggimento fanteria dell’esercito della Repubblica italiana, sono semplicemente un padre di quattro figli, un nonno di due nipoti, e per loro voglio vedere risorgere Roma, in questa vita, adesso!». E ancora: «Mi lancio alla conquista del Colle capitolino con la valorosa armata delle amiche e degli amici del MSR col seguente incitamento: “Al mio segnale, scateniamo il paradiso!”». Iacomoni è Nato nel 1952 a Fabrica di Roma in una famiglia etrusco-romana di liutai ed ebanisti, diplomato in scenotenica, fra le sue realizzazioni, il Museo storico del legionario romano sull'Appia Antica. È promotore del Natale di Roma con rievocazioni storiche apprezzate in tutto il mondo. Per i media anglosassoni, il Nerone attuale è un personaggio noto quanto quello del passato. Il programma elettorale è suddiviso in XII Tavole, dove troviamo la volontà di celebrare feste e ricorrenze, di onorare la storia di Roma riconoscendo la grandezza e la fierezza dei suoi eroi e persino dei suoi antagonisti. "Vanno realizzate due statue, da dedicare a Spartaco e a Menenio Agrippa a Monte Sacro, e un piccolo parco della rappacificazione e del riconoscimento dei popoli del mondo con le statue dei più acerrimi nemici di Roma (Annibale, Pirro, Vercingetorige, Alarico, Attila)", si legge nella prima tavola della Lista Nerone, tra i vari obbiettivi da raggiungere deburocratizzazione, partecipazione, sovranità popolare, istituzione di un Difensore civico “metropolitano”. Si propone una strategia d’intervento per la valorizzazione del patrimonio culturale, in particolare, dei siti archeologici.

Nella VI tavola c’è poi il taglio delle tasse per l’occupazione di suolo pubblico. “Veni, vidi, bici” è il programma dedicato alla mobilità. I 70 candidati della lista Nerone, vedono accanto ai dati anagrafici alias romaneschi o rimandi a personaggi storici, cosi i romani potranno votare per FRONTINO, ER SALUSTRO, SPARTACUS, BIFULCO, MECENATE, CALPURNIA, TACCHIA, CORNELIA, SERAFINO, FURRINA, FLAMMA, DRUIDO o DARTAGNAN.

Il Movimento si è mostrato alla cittadinanza Nei giardini della rotonda di piazza Re di Roma, un manipolo di persone, in strada, senza palco, solo una cassa amplificata e due bandiere Nerone si presenta con la Toga, arringa agli astanti perlopiù pensionati o extracomunitari (Senatori e Liberti dalla Nubia?): “Amici, Romani, compatrioti, prestatemi orecchio. io vengo a seppellire Cesare, non a lodarlo”. A fine comizio l’imperatore candidato ammette: "ci siamo candidati per amore”, per il raggiungimento di una pax romana, inattuabile con le politiche di odio del sistema, “lo abbiamo fatto per Roma. Noi abbiamo un lavoro, gli altri se perdono sono rovinati perché non sanno fare altro”. In caso di ballottaggio Nerone dichiara il rompete le righe, niente indicazioni di voto, nessun apparentamento con il nemico. A Roma la fantasia torna al potere, nella mestizia del quotidiano, qualcuno ha il coraggio di ricordarci che la Politica è una faccenda troppo seria per prenderla seriamente. Pinuccia Nava concluse la sua carriera nei panni del pagliaccio Scaramacai, nei caroselli della nostra infanzia. In una città governata da 70 anni da Pagliacci, che si credono politici, un imperatore (ex Bancario) che sfida il politicamente corretto, non può che suscitare ammirazione, e volontà di emulazione, con il saluto politicamente scorretto descritto da Trilussa salutiamo romanamente il futuro Sindaco/imperatore di Roma al grido di "Ave Nerone".

 

Immagine: https://www.movimentostoricoromano.it


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.