Stare al passo

Il rapido fuggire via del tempo è un dato di fatto che tutti sperimentiamo. Nel momento stesso in cui ci fermiamo a pensare al flusso inarrestabile del nostro vivere, il presente attuale è già ricordo del passato e il futuro è sopraggiunto per divenire a sua volta il nostro presente.

Nella baraonda aritmica del mondo iperconnesso, lo spettro di un eterno presente che si dilegua tra le fragili angosce della ricerca di sé è una chimera assai difficile da esorcizzare. Vorremmo ogni cosa sotto controllo, eppure niente di rimane fra le mani. È come quando si tenta di afferrare la sabbia: poco o niente della infinità di granelli rimane a noi. Allo stesso modo, oggigiorno pretendiamo di avere a portata di mano tutto ciò che accade. Lo facciamo con i supporti digitalo modulati che, diciamoci la verità, sono drammaticamente enti meta-antropologici di cui non possiamo più fare meno. Su di essi controlliamo gli aggiornamenti di stato, i post pubblicati, le fotografie ed i video condivisi, le “storie” che raccontano, su uno schermo, ciò che sta realmente accadendo attorno a noi. La frenesia del conoscere cosa sta facendo l’altro, che sia il coniuge, il parente, l’amico del cuore o semplicemente un tipo qualsiasi che si trova nel mondo digitale, è un vizio di sensualità anestetizzante. Provate voi a impedire ad un “social media addicted”, come li definiscono i sociologi d’oltreoceano, di guardare il proprio cellulare per più di un paio di ore. Avverrà in lui una crisi talmente forte che l’intero organismo potrebbe addirittura compromettersi. O fate l’esperimento di mettere cinque persone in una stanza, senza connessione internet, per un’ora, e scoprirete quanto è difficile guardare un volto, scoprire l’altro-da-sé, vivere il dramma dell’incontro, dell’esser-ci, in quel ritrovarsi gettati nella “realtà reale” che mette in gioco non tanto la ginnastica del pollice opponibile sullo schermo, ma l’anima.

Schiavi di un prodotto realizzato da schiavi, ci siamo resi. E neppure così tanto intelligente (“smart” in inglese significa appunto “intelligente”), siamo sinceri.

Come è possibile che il traguardo del primo ventennio del Terzo Millennio sia la ultra atomizzazione narcisistica della persona, il cui unico scopo è totalizzare un annichilimento di sé che travalichi il limite stesso del non ritorno, correndo con fuga ansimante alla autodistruzione quasi fosse la sorgente stessa della vita?

È il dramma dell’uomo che vive senza un perché, che ha smarrito il senso, che non riconosce la strada di casa. Oltre l’orizzonte del post-umano, cosa ci aspettiamo di trovare?

Per stare al passo coi tempi ti dicono che devi scendere in campo, mettere la tua faccia su un social e fare il gioco dei click.

Allora io dico “no”. Non mi piegherò alla logica invertita del bi-pensiero debole, dove tutto e il contrario di tutto sono sintesi della vacuità.

Voglio camminare usando le gambe vere per girare il mondo; voglio mettere la mia faccia non sui social, ma davanti quella di un Altro che mi obbliga a rientrare nel più profondo di me per poi uscirne trasfigurato; voglio rischiare il sangue, non il numero dei follower, per gridare che sono vivo, e lo sono perché sono vero e il mio cuore batte forte in questo mondo per trascenderlo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Il mondo sta cambiando

di Adriano Tilgher

Il dramma è che il mondo sta cambiando in peggio. Ce ne accorgiamo tutti i giorni dalle insulsaggini che ci raccontano, dall’ignoranza che ci circonda, dalle menzogne che ci propinano i media generalisti, di stato e privati, e dalla cultura che è ormai la grande assente. L’unica cosa grande che riescono a proporci è Il Grande Fratello; quello spettacolo spazzatura, degno di un pubblico pettegolo e guardone, che corrompe gli uomini e le donne, come tutti gli spettacoli montati da quella famiglia di corruttori di anime formata dalla coppia Costanzo-De Filippi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Da Prete Gianni a Prete Giorgio

Ammetto che prima di arrivare ad una cultura alta, ed altra, ho frequentato quella popolare, fatta di cinema, tv, dischi e fumetti, che spesso diventano spunti per parlare di temi e concetti attinenti ad analisi e interpretazioni della realtà divergenti dal sentire comune. Del personaggio di oggi potrei dirvi che ne ho saputo l'esistenza leggendo Il re del Mondo di Renè Guenon, mentirei, l'ho incontrato per la prima volta nel 1973, nelle pagine a fumetti dei "Fantastici 4” pubblicati dall' Editoriale Corno, e l'ho ritrovato anni dopo sempre a fumetti in Martin Mystere della Bonelli. Sto parlando di "Prete Gianni", leggendario sovrano cristiano la cui origine risale alla tradizione medievale. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.