50 anni di Mishima da leggere e conoscere

25 novembre 1970: lo scrittore giapponese Mishima Yukio si reca, assieme a quattro appartenenti del Tate no kai (l’Associazione degli scudi), suo piccolo esercito privato, nella sede del ministero della difesa nazionale, ove sequestra il generale Mashita, si affaccia sul terrazzo, arringa i soldati radunatisi, infine pratica il seppuku (il suicidio rituale). Sono ormai trascorsi, dunque, cinquanta anni. E lo abbiamo seguito fin dal giorno successivo quando ne apprendemmo notizia dai quotidiani, cella del secondo braccio, carcere di Regina Coeli. E ne ho scritto e ho realizzato la messa in scena del suo dramma La voce degli spiriti eroici. (Devo ringraziare gli amici dell’A.C. Raido per il convegno del 2001 e per i tre giorni che gli dedicammo; parimenti i giovani amici del Foro 753 che animarono lo spettacolo alla presenza, nel suggestivo scenario del Museo della Civiltà Romana, dell’ambasciatore nipponico; l’amico Rodolfo Sideri per aver condiviso l’idea e la stesura di Inquieto Novecento ed Enzo per averci creduto e pubblicato).

Ed oggi? La casa editrice Idrovolante, tramite Daniele Dell’Orco, che ne fa acuta prefazione, ha giocato d’anticipo pubblicando, con il titolo La difesa della cultura, una serie di saggi e brevi articoli dello scrittore ove, nello specifico, emergono la riflessione e il sentire di Mishima verso il tema dell’identità e dell’impoverimento del suo popolo e delle sue tradizioni. In fondo è quanto egli, tragicamente e in modo fiero, sintetizza nella orazione finale quando, rivolgendosi inascoltato ai soldati, ricorda loro il valore simbolico della spada, la katana, e ‘… vediamo il Giappone inebriarsi di prosperità e inabissarsi nell’assenza dello spirito’. In questi giorni – e mia l’introduzione – è uscito a cura del Cinabro (e il mio ‘grazie’ va a Tonino che ha voluto contattarmi per questa iniziativa) Mishima Acciaio, Sole Estetica, saggio breve (poco più di cento pagine con delle fotografie alcune a me sconosciute) e però ricco di annotazioni e di documenti e di motivi di approfondimento. Parlarne rientrerebbe nella virtù della vanità, di cui sono disperato e fiero, ma oggi mi concedo il difetto della silenziosa modestia… Solo leggetelo o vi raggiunge la mia scomunica! E, mi sembra, in uscita o già pubblicato un ulteriore saggio di Danilo Breschi (magari cerco d’essere più informato su autore e contenuto).

Poche annotazioni. Quando Mishima lascia la sua abitazione per andare incontro al destino da lui stesso disegnato, su un vassoio all’ingresso pone una busta, dentro la conclusione della tetralogia Il mare della fertilità e l’annotazione, che venne tradotta ‘nella limitatezza dell’umana vita io scelgo la via dell’eternità’ (fu realizzato anche un poster in campo nero e stilizzata l’armatura di un bushi). Più semplicemente, ma non di meno il suo valore umano e simbolico, v’era scritto: ‘la vita è troppo breve ed io avrei voluto vivere più a lungo’. Io prediligo, m’appartiene mi sento di dire, questa seconda traduzione. Perché, in tempi così malevoli, nonostante disgusto e disprezzo che ci assale, vivere e il più vivere è di per sé una ‘bella’ sfida.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

C'è ancora un governo in Italia?

di Adriano Tilgher

Ci hanno fatto vivere due giorni di “suspense”, secondo loro. Il governo Conte cade o non cade? I numeri ci sono, non ci sono, il mercato delle vacche (alcune autentiche, con tutto il rispetto per l’animale sacro agli Indiani), i costruttori, i distruttori, i responsabili, gli irresponsabili… Parole, tutte vere, tutte false, tutti ad accapigliarsi ma per cosa? Per andare a votare? Come se non sapessimo che anche con il voto nulla cambierebbe, tutte le forze in campo sono controllate, nessuno ha un autonomo progetto politico, tutti sono liberisti o, per lo meno, nessuno ha il coraggio di condannare apertamente liberismo e globalizzazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Confessioni di un fazioso

2006 lo storico leader politico Missino Tomaso Staiti di Cuddia delle Chiuse dà alle stampe per Mursia "Confessione di un fazioso" un vero atto d'amore (tradito) per un'Idea, per una comunità, e per un'area di riferimento che è storicamente anche la mia. In questo testo fondamentale, e nel successivo "Il Suicidio della destra - Non uno schianto ma una lagna", ci mostra una carrellata irriverente del Phanteon missino e post missino. Purtroppo nella mia avventura politica mi sono incrociato con "il "Barone nero" solo 2 volte, nel 1984 dove giovane segretario sezionale Toscano di area Niccolai cercai di promuoverne l'elezione alla Segreteria contro Giorgio Almirante, e nel 2008 quando accettò la candidatura nelle tre circoscrizioni Lombarde per "La Destra", partito dove militavo. Ne uscì un anno dopo, quando si capì che Storace strizzava l'occhio al "Popolo delle Libertà", io sono stato meno coraggioso, e l'ho fatto solo nel 2013. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.