La dittatura Conte

Siamo in pieno regime: terrorismo televisivo quotidiano, distanziamento personale, coprifuoco, chiusura di piazze e strade, chiusura dei punti di ritrovo, distanziamento sul lavoro e spersonalizzazione dello stesso, distanziamento nelle scuole superiori, divieto assoluto di congressi e convegni, impossibilità di svolgere attività politica.

Durante il ventennio non si è mai arrivati a tanto, neanche nei periodi bui della guerra civile.

Il fatto più grave è che tutti tacciono: tacciono i 5Stelle, molto loquaci sulle stupidaggini ma tremebondi davanti alla possibilità di una crisi che potrebbe portarli ad elezioni, che spedirebbe la maggior parte di loro nuovamente nella disoccupazione; tace il PD sempre più prono ai voleri del potere finanziario dominante; tacciono le opposizioni, che rivelano la loro vera natura di mestieranti che fingono di fare opposizione solo per occupare uno spazio; tace la magistratura che dovrebbe e potrebbe intervenire “motu proprio” per colpire le costanti violazioni del diritto civile e penale; ma tace anche il Presidente della Repubblica, che dovrebbe essere il supremo garante della legge costituzionale, ma che osserva impassibile lo scempio che se ne sta facendo.

E la gente?

La gente attende terrorizzata l’ultimo bollettino di “guerra”; è troppo spaventata per fare qualcosa, è talmente preoccupata di contrarre questo virus, molto meno letale di altri virus e di altre patologie, che rinuncia alla propria libertà, ai propri diritti, alla propria vita e regala ai più giovani ed ai bambini un mondo di paura e di incubo per un qualcosa che non è più un pericolo grave.

Ogni giorno ci raccontano il numero dei positivi, non specificando che oltre il 95% è asintomatico e la quasi totalità degli altri ha lievi sintomi spesso confondibili con gli altri ceppi influenzali. Poi per creare maggiore terrore aggiungono il numero dei morti mescolando i morti per il covid, con i morti con il covid ma per altre patologie. Né ci informano che, nonostante questo modo di procedere, la mortalità è poco più alta dello 0,3% e notevolmente inferiore agli altri ceppi influenzali.

Nessuno ci specifica che asintomatico vuol dire sano, anche con la presenza del virus, e nella quasi totalità dei casi non contagioso, dato che per essere contagiosi ci vuole una notevole concentrazione di virus; così come nessuno ci dice che chi risulta negativo al tampone, potrebbe essere comunque un asintomatico portatore del virus, non contagioso, al quale il tampone non è riuscito ad individuare il virus. La verità è che quanti più tamponi faremo, tanti più contagiati troveremo, perché i dati statistici parlano di svariati milioni di portatori del virus, sani e non contagiosi.

Ma allora perché si ostinano a spaventarci? perché, sfruttando le nostre paure, continuano a privarci delle nostre libertà elementari? perché il principale obiettivo dei provvedimenti di Conte, scritti tra l’altro in modo talmente approssimativo da essere aperti a qualsiasi interpretazione, è impedire i rapporti sociali e con essi i rapporti politici?

E’ facile rispondere: Conte è il terminale italiano di un sistema di potere che non è più a casa nostra, è colui che dovrà traghettarci al dopo elezioni americane da dittatore, perché, chiunque sarà il vincitore, saremo in balia degli eventi drammatici che si stanno preparando e di cui i giornali italiani, sempre più asserviti, non parlano, eventi cui purtroppo saremo costretti a partecipare con grave rischio della nostra incolumità, tra l’altro senza nessun tornaconto nazionale.

Avevamo indetto per il 28 e 29 novembre p.v. l’annuale convegno de Il Pensiero Forte sul tema “Crolli l’occidente, sorga l’Europa!”, purtroppo giorno 18 ottobre è uscito l’ultimo decreto Conte che recita, in modo equivoco, “Sono inoltre sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, con la sola eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza.”

Ci siamo subito rivolti alla Questura di Firenze, che è la città dove si sarebbe svolto il convegno, chiedendo quale dovesse essere la distanza da rispettare di cui parla il decreto. La risposta è stata che il convegno si poteva tenere e che la distanza era di 1 metro.

Oggi ci è arrivata una mail in cui ci viene detto che il convegno non si potrà tenere perché è vietato fare convegni e congressi in presenza, in base ad una circolare di attuazione del ministero degli interni di giorno 20; circolare che invece non fa altro che ripetere la frase equivoca del decreto Conte.

Eppure dovrebbero essere uomini di legge!

Il MinCulPop non è mai arrivato a tanto.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La giornata contro la violenza sulle donne

di Andrea Brizzi

Il 25 novembre di ogni anno ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne, tema scottante quello della violenza di genere, che ogni anno non manca di suscitare polemiche e barricate dall’una o dall’altra parte. Già il parlare di una parte piuttosto che di un’altra, identifica un problema di natura culturale, di fronte al quale ogni evento, manifestazione e quant’altro risulta inutile, se non dannoso, di fronte alla natura stessa della situazione.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Planando sopra boschi di braccia tese

È il 24 novembre 2020: puntuale come le zanzare o l'ennesima ondata covid si torna a parlare di Lucio Battisti come "Pericoloso Fascista", a rimestare il calderone questa volta è Aldo Giannulli, ex collaboratore di Avanguardia operaia, il manifesto, Liberazione, l'Unità e attualmente editorialista della rivista di geopolitica Limes. Giannulli rilascia una intervista al sito “Rockol.it” dove dichiara: "Nel corso di un’indagine della Procura della Repubblica di Milano sulle stragi degli anni Settanta mi sono imbattuto in una serie di documenti dell’Ufficio Affari Riservati, il servizio segreto del ministero dell’Interno. Tra quei fogli vi era un’informativa che indicava Lucio Battisti come sovvenzionatore del Comitato Tricolore, organizzazione fondata da Mario Tedeschi, senatore del Movimento Sociale Italiano e direttore del settimanale Il Borghese, per aiutare gli attivisti di estrema destra che avevano guai con la giustizia. Il Comitato Tricolore svolgeva in sostanza a destra le funzioni che a sinistra erano prerogativa del Soccorso Rosso".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.