Socializzazione

Con il decreto legge n. 375 del 12 febbraio 1944 la Repubblica Sociale Italiana istituiva la socializzazione delle imprese, premessa fondamentale per la creazione della nuova struttura dell'economia italiana. Il termine venne coniato nel 1943 per indicare una dottrina economica concepita all'interno del sistema economico corporativista della Repubblica Sociale, ma i prodromi vanno individuati nella Carta del Carnaro promulgata a Fiume nel 1920 e nella Carta del Lavoro del 1927.

La socializzazione avrebbe dovuto costituire la terza via nei confronti dei due maggiori sistemi economici allora vigenti, capitalismo e bolscevismo, sia per quanto riguarda l'economia sia per i suoi riflessi sul piano sociale. Un atto certamente rivoluzionario che  superava  il  vecchio dualismo ottocentesco tra capitale e lavoro ed  il  concetto  di  lotta  di  classe  di  stampo  liberale, che vedeva  nel lavoro il protagonista dell'economia attraverso la gestione  delle  imprese  affidata  pariteticamente  ai lavoratori (operai e impiegati) assieme ai detentori del capitale delle aziende. Nel sistema socializzato: “Il popolo  partecipa  integralmente,  in modo organico e permanente, alla vita dello Stato e concorre  alla  determinazione  delle  direttive,  degli istituti e degli atti idonei al raggiungimento dei fini della Nazione col suo lavoro, con la sua attività politica e  sociale…”

Riconoscimento  dell’importanza  del  capitale, ma insieme a chi fornisce braccia  e  menti, elementi altrettanto fondamentali all’attività economico-sociale. Né dominio  della finanza, né, espropri statali: ma armonizzazione degli elementi in un  rapporto  di  condivisione  delle  responsabilità  (e degli utili), affinché nessuno si senta depositario del destino dell’impresa e, di conseguenza, della nazione in una innaturale investitura per intrallazzi bancari e finanziari, per deleghe, o per rappresentanze più o meno mediate. In ogni azienda le rappresentanze dei tecnici e degli operai cooperano attraverso una conoscenza diretta all’equa fissazione dei salari, nonché all’equa ripartizione degli utili.

Non è un caso che alla proposta sulla socializzazione collabori Nicola Bombacci, fra i fondatori nel 1921 del Partito Comunista d'Italia riprendendo tra l'altro le teorie dell'anarchico ucraino Nestor Ivanovič Machno, dal fabianesimo e dal distributismo geselliano. La piena realizzazione dei propositi verranno attuati con la creazione del Ministero dell’Economia Corporativa nel settembre 1943 e con il Decreto Legislativo n. 375 del  febbraio  1944.  Tale  provvedimento, accolto con sospetto da alcuni industriali italiani dichiarava: “Le imprese di proprietà privata che dalla data del 1° gennaio 1944 abbiano almeno un milione di capitale o impieghino almeno cento lavoratori, sono socializzate. Sono altresì socializzate tutte le imprese di proprietà dello Stato, delle Province e dei Comuni nonché ogni altra impresa a carattere  pubblico.  Alla  gestione  della  impresa socializzata prende parte diretta il lavoro.”  La socializzazione pur tutelando la proprietà privata, la libera iniziativa e la concorrenza, elimina di fatto  il  rapporto  dipendente-padrone,  affidando  ai lavoratori stessi la responsabilità della produzione.

Furono socializzate circa 6000 imprese fra cui Fiat, Montecatini, Falk,Cartiere Burgo, Olivetti, le Cartiere Binda,  Alfa  Romeo,  Dalmine, Officine  Stanga,  Lanificio  di  Lodi, Istituto Grafico De Agostini etc. L'attuazione Integrale della Socializzazione (ironia della sorte) era prevista per il 25 aprile 1945. Tra i primi atti politico-amministrativi del Comitato Liberazione Nazionale, vi fu l'abrogazione del Decreto Legge sulla  Socializzazione.  In  un  orizzonte  dominato  dal capitale   finanziario,  l' evocare   il   ritorno   al   diritto naturale della partecipazione diretta dell’uomo all’opera  della  sua  vita  può assumere  una valenza realmente rivoluzionaria, molto di più delle tematiche di "sottofondo" tanto caldeggiate dai sovranisti e sovranari da tastiera.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.