La Scuola postmoderna

Tra i pedagogisti moderni non manca chi ritiene i videogiochi, le reti sociali e quant’altro si agita sul Web, la nuova frontiera della rivoluzione cognitiva. E indubbiamente un cambiamento forte le nuove comunicazioni digitali lo hanno prodotto, ma più che di rivoluzione bisognerebbe parlare di involuzione. Il linguaggio fatto di immagini e di suoni rutilanti è l’esatto opposto dello studio e dell’assimilazione della cultura, che richiedono ritmi lenti, pazienza, concentrazione e allenamento a sviluppare un’elaborazione concettuale. Una scuola postmoderna è piuttosto un non-luogo educativo, una superfluità che darebbe ragione a moderni descolarizzatori.

In un progetto che prevede un mondo superficiale, di assenza di analisi, di pura passività nella ricezione dei messaggi, la scuola, con il suo pretendere ancora di parlare di cultura, non solo è inutile, ma è dannosa e va rapidamente abolita. La scuola, infatti, per definizione è anti-sistema, perché, trasmettendo ancora la cultura, veicola, persino nolenti alcuni insegnanti, un modello di pensiero critico che si ribella a quello binario degli strumenti informatici. Il ricorso a quella che si chiama “didattica digitale integrata” serve in fondo ad abituare i discenti ad applicare movimenti di pensiero meccanici e intuitivi; un programma si può solo usare e non cambiare e lo si può usare solo nelle modalità previste: non è possibile uscire dallo schema predisposto. Automatismo e abitudine a seguire gli schemi: è quanto produrrà una scuola dove la didattica digitale avrà preso il sopravvento sulla lezione frontale in cui sola può esercitarsi l’antico strumento del dialogo, della riflessione e anche – perché no – della critica e della contestazione.

Ciò non significa una scuola come pura trasmissione-ricezione, una scuola che del resto non è mai esistita nemmeno nei collegi gesuitici del Cinquecento. Significa – e non è poco – proporre un mondo altro da quello del tutto e subito, del consumo beota, del primato della superficialità e della furbizia, del tutto è ammesso purché vada nella direzione del politicamente corretto: anche l’occupazione degli Istituti per le prime prove di sessualità adolescenziale o scioperi autorizzati dagli stessi ministri per il bene del clima, che, com’è noto, si giova grandemente di una mattinata al mese di assenza dalle lezioni.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La dittatura Conte

Di Adriano Tilgher

Siamo in pieno regime: terrorismo televisivo quotidiano, distanziamento personale, coprifuoco, chiusura di piazze e strade, chiusura dei punti di ritrovo, distanziamento sul lavoro e spersonalizzazione dello stesso, distanziamento nelle scuole superiori, divieto assoluto di congressi e convegni, impossibilità di svolgere attività politica. Durante il ventennio non si è mai arrivati a tanto, neanche nei periodi bui della guerra civile.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Feder-Azione

Il nuovo DPCM, l'ultimo di una lunga serie, subdolamente toglie ancora spazi di libertà, tolte le possibilità di assembramento, chiusi i bar alle ore 18, ed i ristoranti alle ore 24, vietate attività culturali, congressuali, e convegni, aumentate le pene economiche (e non solo) per chi non indossi la museruola, il tutto nel quasi totale silenzio delle opposizioni, a parte qualche leggero mugugno della leader di Fratelli d'Italia, tutto tace, i vecchi rivoluzionari sembrano arresi, e i giovani paiono più interessati al nuovo gadget inutile da acquistare su Amazon, che ad una rivolta contro chi li rinchiude in casa, impedendone la socializzazione. Ma è davvero così?

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.