Fiaccole ardenti d'Europa

Ho raccontato di come, trovandomi a Parigi (l’unica occasione avuta), ospite della Sorbona occupata, bandiere rosse alle finestre scritte cubitali sui muri, mi fosse venuto a noia il bla-bla intorno all’ideologia e ai suoi corollari espresso in tutte le tonalità dell’inconcludenza e della imbecillità. Se mi fosse porto l’invito a scendere per le vie del Quartiere Latino a giocare barricate molotov bastoni da una parte e manganelli lacrimogeni scudi ed elmetti dei reparti antisommossa dall’altra, beh, lo confesso, avrei accettato ben volentieri per mantenere l’ardire e l’ardore espresso a Valle Giulia un paio di mesi prima. E, probabilmente, mi sarei perso e avrei perso la visita alla tomba di Robert Brasillach, a me caro. Senza confronto alcuno...

Rendere omaggio a Brasillach – come nel cimitero di Neuilly alla tomba di Drieu la Rochelle e in quello di Meudon dove è sepolto il grande Céline - e non dimenticarsi di Alain Escoffier. Di anni ventisette, sposato con una tedesca rifugiata dalla DDR, impiegato di banca, venerdì 10 febbraio del 1977, in Champs-Elysées, davanti alla sede dell’Aeroflot, durante una manifestazione di protesta contro l’imminente visita di Breznev in Francia, si diede fuoco con due taniche di benzina e al grido “Comunisti assassini!”. Onorare con il suo sacrificio e imitare i giovani di Praga – non solo - che si erano immolati dopo l’invasione del loro paese, agosto ’68.

La Compagnia dell’Anello gli dedicò una emozionante canzone che si concludeva con questi versi: “A Praga muto nella piazza c’è Jàn, sorride sereno, è vivo, è con me – un nome, un cognome per l’Europa perché ora vive un eroe anche in Champs-Elysées – Alain Escoffier! Alain Escoffier!“... Sono stato più volte a Praga, con la scuola, città che preserva il fascino dell’incanto della magia di richiami densi di storia e di letture “esoteriche” (penso, ad esempio, al romanzo Il Golem dello scrittore Gustav Meyrink che lo ambienta tra la sinagoga e il piccolo cimitero ebraico, tappa turistica d’obbligo), nonostante si vada trasformando in una sorta di San Marino in grande come in parte è ormai Toledo. Ho avuto, però, non so se per il caso o la necessità, di conoscere la città boema, quando divenne per breve tempo il cuore di un’Europa che chiedeva d’essere altro rispetto alla logica della spartizione, la logica di Yalta. Agosto ’68, la Primavera di Praga.                                               

Notte del 20 agosto; mattina del giorno successivo, immortalati da tante immagini e scatti fotografici come da racconti e saggi. Lo scrittore boemo M. Kundera ebbe gran successo con L’insostenibile leggerezza dell’essere. Io posso dire soltanto che “io ero lì!”... E con me Riccardo – aveva diciotto anni, il sorriso velato di tristezza quasi fosse presago dello scorrere troppo breve del tempo - che, dieci anni dopo, sarebbe stato suicidato due giorni prima di essere scarcerato quattro giorni prima di testimoniare in mio favore davanti alla Corte d’Assise di Catanzaro. Così la memoria si lega in piazza San Venceslao, sotto la statua del duca di Boemia, dove una piccola aiuola sempre ricca di fiori rinnova il ricordo del 16 gennaio del ’69 quando lo studente di filosofia, Jàn Palach, si diede fuoco per protesta contro l’invasione del proprio Paese. Jàn Palach, dunque, Alain Escoffier e Riccardo, simili a lanterne nella notte d’Europa a indicarci il cammino e a mantenere viva la fiaccola della fierezza e della speranza.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'antifascismo in assenza di Fascismo

di Adriano Tilgher

Davanti al nulla assoluto della loro presenza e capacità politica ed al loro squallido servilismo nei confronti dell’emissario dei potentati anti italiani, Draghi, tutti i partiti ed i sindacati hanno ritrovato ossigeno e una ragione per esserci nell’antifascismo. L’antifascismo è un rito antico, impostoci con il diktat di pace del 1947 da inglesi, americani, marocchini che ci hanno sconfitti ed occupati il 25 aprile 1945 e non se ne sono più andati. Un rito recepito dalla nostra costituzione nelle norme transitorie e finali che non transitano mai.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Sindacalismo Rivoluzionario

Settembre 1904 con il primo sciopero nazionale prende ufficialmente vita in Italia il "Sindacalismo Rivoluzionario", tra i principali ideologi il francese Georges Sorel e gli italiani Arturo Labriola e Enrico Leone. Il principio fondamentale del sindacalismo rivoluzionario era l'indipendenza sindacale nei confronti sia dei partiti politici che dello Stato. Inizialmente nasce come corrente di sinistra in seno al Partito Socialista per poi distaccarsene nel congresso di Ferrara del 1907, per avviare un lavoro sindacale autonomo, dapprima nelle campagne emiliane, poi nei centri industriali del Nord, e nelle miniere di Puglia e Toscana. I suoi organizzatori più attivi furono Alceste De Ambris e Filippo Corridoni. Nel 1907 a Parma nasce la CGdL, su una idea di Alceste de Ambris. Nel 1912 Filippo Corridoni ed altri, spaccano il movimento creando l'(USI), l'Unione Sindacale Italiana, che aumentò il proprio peso politico diffondendosi specialmente a Milano.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.