Il destino di Anteo

Per quanto possa sorprendere, le teorie liberiste sono nate in ambito agricolo all’interno della concezione fisiocratica. Tra la fine del Seicento e gli inizi del secolo successivo, chi sosteneva che l’agricoltura fosse la vera ricchezza di una nazione era infatti favorevole alla libera circolazione dei grani e, in generale, alla libera circolazione dei prodotti della terra. Le teorie liberiste non riuscirono a trasformare l’economia rurale, mentre si affermarono nell’industria manifatturiera. La ragione è facile da intuire: la terra è qualcosa di stabile, di “fermo”, di “lento”, che non si presta perciò alla velocità che il capitalismo imprime all’economia e in genere, di riflesso, a tutte le forme d’esistenza. Per questo la terra ha sempre protetto e conservato le tradizioni e Darré ha potuto immaginare una nuova nobiltà di sangue e suolo.

Il capitalismo, invece, e l’altra sua faccia rappresentata dal marxismo, non hanno mai apprezzato il contado e i suoi abitanti, percepiti come residuo del passato perché refrattari a subire le accelerazioni che i figli del materialismo hanno nel loro DNA. È noto, infatti, il disprezzo che Marx provava per la campagna e per i Bauern, i contadini, quando affermava: «la messa a coltura del suolo è la più irrazionale delle attività e la più legata alle vecchie abitudini. Il contadino stesso non vale di più». Ed Engels chiosava: «sempre e dovunque noi ci sforzeremo di affrettare la scomparsa della piccola proprietà agricola». D’accordo con i due si mostrava Babel, il quale affermava con sicurezza: «il Progresso umano esige che la classe contadina scompaia». Per molto tempo il combinato disposto dell’illusione del progresso infinito nell’industria e dell’ideologia marxista hanno condotto l’Italia e l’Europa, Paese e continente di antiche e ricchissime tradizioni agricole, a dimenticare il settore primario e le sue risorse.

Oggi, di contro a un mondo sempre più povero, soprattutto interiormente, la campagna torna ad interessare la gioventù italiana. Ed è un bene, se non vogliamo ripercorrere il mito di Anteo, il gigante figlio di Poseidone e di Gea, la Terra; invincibile finché rimaneva a contatto con la Madre, venne ucciso da Ercole che lo soffocò tenendolo sollevato. Anche noi rischiamo di essere soffocati dall’ideologia globalizzatrice se ci faremo staccare dalla terra. Scriveva Nietzsche: «Vi prego fratelli, rimanete fedeli alla terra!»; ricordiamocene se vogliamo evitare il destino di Anteo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.