La danza del capro e la luna sui cimiteri

Dioniso Icario la vite da cui si genera l’ebbrezza e la danza il capro ucciso e scuoiato. La tragedia, appunto, trova il suo esordio tanto che il suo significato indica proprio la danza del capro anche se si tende a tradurla al plurale. In questo modo raccogliamo sotto il medesimo cielo stellato – forse estremo grido inane e consolatorio? - pur se le divinità assumono nomi difformi, sempre ostili e avverse rimangono, l’umanità in sé dolente nella sua intierezza. Sul palcoscenico della vita le maschere (la “persona” in latino) amplificano il senso di un destino ascritto e perverso. I Greci hanno saputo, per primi, rendere tutto questo in forma scenica. Il protagonista – sia esso uomo o donna, poco o nulla conta, e se sovente è un sovrano ciò rafforza l’assunto – narra di se stesso, svolge una trama singolarissima ma, al contempo, ogni spettatore avverte che è di lui che si parla a lui ci si rivolge si commuove partecipa magari – non a caso il capro espiatorio viene abbandonato fuori le mura e nella nientità del deserto – se ne rinfranca – quasi che il dolore condiviso sembri dimezzarsi – si accetta, forse si tempra, cede il capo al giogo servile trascinato nel divenire dei giorni... Mi ricordava Nello ormai in tempi remoti, non casuale nel suo essere insegnante di greco e nella città di Torino (dove Nietzsche si raccolse nella follia si firmava Dioniso o l’Anticristo “al di là del bene e del male”) che “se gli dei ci sono contro, peggio per loro!”.                      

Inquieto ed errabondo studente di sedici anni ad ascoltare le lezioni del professor Morelli, anno 1960. Essere né cani sciolti né pecore matte e a cercar la bella morte. Raccontava l’attrice Doris Durante come Alessandro Pavolini l’attirasse nei cimiteri, sotto il chiarore freddo e distante della luna, a parlare di poesia e come, dopo l’8 di settembre, prima ed oltre la cultura a lui tanto cara spettasse al sangue redimere l’Idea e l’Onore. Così richiese, fermo proposito, il rettore dell’università di Bologna, quel Goffredo Coppola, insigne grecista, fucilato a Dongo il 28 aprile, in una circolare affinché non fosse concessa deroga alcuna agli studenti che con la scusa degli esami, si sottraevano al dovere delle armi e a versare, se necessario, il proprio sangue alla Patria, resa matrigna dal tradimento infame del re e di Badoglio. E lo scrittore Carlo Mazzantini rifletteva come i giorni della Repubblica Sociale, che egli aveva vissuto da giovanissimo volontario Emme Rossa, fossero scanditi dal canto fiero e urlato contro le finestre chiuse e dal ritmo cadenzato degli scarponi chiodati sull’asfalto a sfregio e disprezzo di un mondo grigio e vile ed ostile.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.