La maschera di Ligabue

Sit tibi terra levis (la terra ti sia lieve) Flavio Bucci, maschera prestata a Toni il “tedesco” di Gualtieri, l’Antonio Ligabue di padre ignoto, orfano di madre e fratelli, cognome adottivo, espulso dalla sua Svizzera, habitué di manicomi (come Van Gogh), pittore espressionista per autoanalisi liberatoria da solitudine e follia, la tela il lettino bianco sul quale raccontare un io selvaggio come gli amati animali.

L’attore torinese (classe’47), con DNA meridionale, colse il pomo della notorietà orizzontale nel ’77, attraverso  quell’ elettrodomestico, come la scherniva Fellini, della televisione dando corpo e soprattutto anima al personaggio dell’artista naïf  in una mini sceneggiato,  firmato da Salvatore Nocita;  tre puntate in onda nel tardo autunno dedicate alla vita del matt della Bassa, scoperto, tra i boschi lungo il Po, dallo scultore romagnolo Marino Mazzacurati, il primo che gli regalò i colori a olio coi rudimenti del mestiere perché la  tecnica sposasse la vocazione.

Bucci si incarnò talmente nel personaggio da diventare egli stesso Ligabue dandogli, nell’immaginario identificativo, volto, voce, comportamenti divinatori accompagnati da quell’ espressione stralunata di colui che viaggia nudo nella follia di uomo maledetto dalla vita. Ancora oggi, nel dare notizia del suo decesso, il commento mediatico, molto precotto, pone quella maschera del Toni all’apice della sua lunga stagione di attore.

Quattro anni dopo eccolo indossare cappa e cappello neri di Don Bastiano nel Marchese del Grillo di Mario Monicelli, con un’arringa-testamento der prete matto e brigante recitata sul patibolo davanti a ‘n popolo di pecoroni invigliacchiti sempre pronti a inginocchiarsi ai potenti e per questo padroni di un cazzo, monito tutt’ora calzante a pennello alle masse lobotomizzate.

Scorrendo la sua opera di vita sbattuta in faccia, fuori dai guard rail della normalità insignificante, sì possiamo dire che ha vissuto per intero, non a canzonette, una vita spericolata pago di aver volato nell’abisso; “non mi pento di niente” aveva dichiarato in un’intervista.

Lui Dioniso sulle scene è stato un elogio della follia, menade danzante per i suoi personaggi, irriverente al tu devi del cammello, ruggito con accento pugliese di libertà da ogni catena. Diede vita sulle tavole del palcoscenico a quell’  Aksentij Ivanovič Popriščin soggetto del diario Le memorie di un pazzo di Gogol, suo trentennale  cavallo di battaglia, senza qui enumerare le sue interpretazioni da mattatore di personaggi pirandelliani contro la normalità alienante del comandamento sociale di apparire.   

Sembra qui paradossale o irriverente citare una frase del Vangelo di Matteo là dove il Maestro dice ai discepoli: “Se non cambiate e non diventate come bambini, non entrerete mai nel Regno dei Cieli” accostandola a Flavio Bucci, e invece questa nostra riflessione coglie in lui proprio lo spirito del bambino, l’ultima delle tre metamorfosi indispensabili alla morte dell’ultimo uomo (quello mediocre) perché sorga l’ alba dell’oltreuomo (Übermensch) incarnazione dionisiaca del fanciullo nel Così parlò Zarathustra di F. Nietzsche. 

Quando si muore è vezzo disgustoso occhiare tessere e fede scansando, da grilli parlanti, l’innocente follia dei piccoli che non subiscono il mondo ma lo creano, lo smontano e rimontano a loro piacimento, liberi di, non da, danzando con l’immaginazione ed il piacere. Forse anche per questo Bucci amava Giacomo Leopardi nella sua amara riflessione sulla fanciullezza ricca di premesse e speranze, scevra dalla gabbia dei condizionamenti.

Ciao Bucci tu eri bambino pago dei propri giochi fino al limitar di vita.

Grazie.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.