Ugo Spirito e la critica della democrazia [10]

Sul concetto di partecipazione politica di Ugo Spirito molto incide la vocazione corporativistica che, come noto, aveva raggiunto la sua espressione più radicale con la tesi della corporazione proprietaria nel 1932. Anche l’idea che la politica effettivamente incidente sul reale debba essere una sintesi di carattere “scientifico”, rimanda all’idea di una Camera corporativa, nella quale le diverse competenze trovino una sintesi vantaggiosa per tutte le componenti del corpo sociale. Resta sospesa, tuttavia, la domanda se il corporativismo sia possibile al di fuori di uno Stato concepito organicisticamente. E resta sospesa perché Spirito è convinto della capacità della scienza di incidere sulla realtà e determinarla, cosicché il corporativismo, come tecnica, permetterà alla società di superare la visione individualistica ed egoista della persona, tipica del neocapitalismo. Il filosofo ne è a tal punto convinto da ritenere che il piano di sviluppo della società sarà un processo di unificazione al quale tutte le competenze partecipano, e nessuna in particolare. Un processo, perciò, anonimo e imprevedibile che sarà il risultato della collaborazione: «Così concepita la sintesi, essa si proietta sempre verso l’avvenire come ignoto da scoprire.

La realtà non è già rivelata come nelle religioni e nelle metafisiche, ma è sempre da porsi e da svelarsi». Il processo, detto ancora in altre parole, è quello della collaborazione sempre più estesa e organica, ma, affinché ciò sia possibile, il potere politico deve appartenere soltanto alla scienza, cioè ai competenti. Educare politicamente, quindi, o semplicemente educare, significa indurre al consenso e all’habitus scientifico, abbandonando l’atteggiamento di parte dei cui limiti si viene edotti. Educare significa per il filosofo spersonalizzare, superare la concezione atomistica di se stessi per guadagnare l’universalità, ovvero il sentirsi parte del destino di una comunità. Un’educazione che se, per la formazione di Ugo Spirito, appare limitata alla considerazione economica, comporta invece un riverbero morale e politico. Di questo, un giovane Ugo Spirito era già convinto quando, nel 1923 insieme ad Arnaldo Volpicelli, iniziò la pubblicazione della rivista «Nuovi studi di Diritto, Economia e Politica», con lo scopo di tradurre l’atto gentiliano nella concreta prassi. E di questo resta ancora convinto quando ritiene di intravvedere nella società contemporanea  già in atto questo processo, segnalato, a  suo avviso, dalla sempre più marcata insofferenza verso la retorica dei dogmatismi e all’esigenza sempre più forte dell’unificazione.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La politica

di Adriano Tilgher

Il vocabolario Treccani definisce la politica come “la scienza e l’arte di governare”.

Purtroppo quelli che oggi si dicono politici non mi sembrano né scienziati né artisti e quindi neanche politici. Qualcuno sarà colto, qualche altro laureato, qualche altro ancora esperto di musica, di canto e di teatro ma ben altra cosa è essere persone che conoscono “l’arte e la scienza di governare”.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

L'anno che verrà

1978, Lucio Dalla esce nei negozi di dischi (allora ancora esistevano) con l'album "Lucio Dalla" contenente il brano "l'anno che verrà". Il brano fu dedicato ad un suo grande amico Giuseppe Rossetti, incarcerato per motivazioni politiche e rinchiuso in prigione alla Dozza. Si racconta che Lucio passò una notte di Capodanno in compagnia di Giuseppe in carcere. La prima versione del testo venne scritta nella casa di Rossetti a Monghidoro. Il testo venne poi rivisto da Lucio Dalla insieme al frate domenicano padre Michele Casali. Nel testo, riferimenti ai "sacchi di sabbia vicino alle finestre", o alla scomparsa dei "troppo furbi e dei cretini di ogni età".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.