Fra scaffali e libri

Conservo, insieme a tutte o quasi le sue opere, Rivolta contro il mondo moderno di Julius Evola nell’edizione Fratelli Bocca (1951), in copia alquanto malconcia e fatta rilegare da una famiglia di sordomuti, che frequentava la sezione del Colle Oppio. Era esposta nella vetrina della libreria Rotondi, in via Merulana, dedita a libri di vario genere, ma tutti su argomento “esoterico”. Non ricordo dietro quale suggerimento o richiamo ne trassi motivo per acquistarla. Certo fu Adriano Romualdi, un paio d’anni dopo o tre, ad organizzarmi un incontro con Evola e vi andai, in Corso Vittorio, con altri due amici più grandi di me e certo maggiormente attrezzati nel suo pensiero e decisi di correttamente averlo inteso. Tutti e tre certi, “vanitas vanitatum vanitas”, di essere i discepoli e i migliori da lui attesi e desiderati...                                                           

 (Su come si svolse quell’incontro e la sua conclusione ne ho parlato e scritto sovente tanto che, qui, non mi ripeterò. Fu una risoluzione tragicomica come, del resto, mi viene spesso da riflettere sia stata gran parte della mia esistenza. E lo scrivo con una certa civetteria pensando agli “amici” Don Chisciotte e Cyrano a me cari. D’altronde mi torna a mente uno slogan del ’68 “Vi sommergeremo con una risata”, poi vennero gli anni cupi e terribili...).                                                                                   

Oggi, accatastati i libri negli scaffali e sovente in duplice fila, sono cresciute altre e si sono formate diverse priorità come la narrativa. Io stesso mi sono cimentato nello scrivere racconti. Anche se mi mancano le energie per un vero e compiuto romanzo. Credo sotto la garbata influenza di Ugo Franzolin che, in pomeriggi davanti ad una tazza di tè, mi ammoniva a non considerare la narrativa come opera minore, facile da ideare e produrre. Nel saggio si è direttamente propositivi; nel narrare il gioco più complesso del detto non detto. Degli scritti di Evola mi è rimasto, però, un segno – uno stile ribelle – e cioè pensare in termini di confine e del suo “oltrepassamento”, di trasmutazione dei valori, per dirla con Nietzsche. E aggiungo come, mi permetto di credere, Evola si sarebbe compiaciuto verso chi non si irrigidiva verso il suo dire, ma se ne faceva trampolino per andare più oltre e ancora più avanti alla ricerca di quel “centro di gravità permanente”, caro ad esempio a Franco Battiato. Anche se nel mio caso sfiora e sovente s’azzarda a confrontarsi con il Nulla.                                                                                   


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.