Conte: il “consulente” della Merkel

Se non fosse drammatico parlerei di comiche finali; ma, purtroppo, l’unico obiettivo cui, il vergognoso comportamento dell’attuale governo, punta con decisione è l’estinzione dell’Italia.

E’ veramente un tradimento quello che leggiamo su alcuni giornali: il presidente del consiglio, a giugno, avrebbe dato parere favorevole all’aggravamento delle sanzioni previste dal MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) senza avvisare il Parlamento né, tanto meno, il popolo italiano, la vera vittima di questo diabolico meccanismo, che dovrebbe salvare gli stati europei in difficoltà economica ma che, in realtà, li affossa definitivamente.

Il MES, ricordiamolo è stato votato ed approvato dal Parlamento, ai tempi del governo Monti, con il voto contrario della sola Lega.

L’aggravamento delle sanzioni, in caso di gravi situazioni economiche degli stati aderenti alla UE che dovessero fare ricorso al MES, prevedono la possibilità di intervenire direttamente sulle case dei cittadini, senza passare attraverso tribunali o altre forme di garanzia.

La cosa non è ancora chiara, perché tenuta nascosta, ma, se è vera, sarebbe veramente un attentato contro l’Italia ed il suo popolo. A favore di chi?

Ecco perché riteniamo che, se tutto fosse confermato, Conte faccia il Presidente del Consiglio solo come supporto alla sua reale attività, quella di avvocato e “consulente”, ovviamente al servizio dei suoi clienti.

Se a questo aggiungiamo che, di fronte a questi problemi gravissimi del MES, dell’ILVA, della disoccupazione, della povertà, del malessere, il prode Zingaretti pone come priorità lo “ius culturae” e lo “ius soli” (metodi per dare la cittadinanza italiana agli stranieri dimenticando i millenni di storia e di cultura di cui siamo portatori), ci rendiamo conto degli infimi livelli cui è giunta la politica italiana e ne siamo preoccupati.

Nonostante tutto spero ancora che ce la possiamo fare, ovviamente dopo aver cacciato questa gente.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Pieni poteri e immagine

di Adriano Tilgher

Che tristezza questa Italia! Veramente deprimente.

Ligi agli ordini di partito? No! Timorosi che si possa tornare a votare quasi tutti i parlamentari di governo hanno votato contro i loro reali convincimenti, ammesso che ne abbiano qualcuno, per prorogare i poteri da stato di emergenza a Conte.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Veritas in Fabula

«Siamo impegnati in un gioco in cui non possiamo vincere. Alcuni fallimenti sono migliori di altri, questo è tutto.»

George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair (1903 – 1950),  scrisse questa profetica realtà nel suo romanzo più famoso, “1984” dove l'attivista socialista, volontario nella guerra di spagna nelle fila del Partito Operaio di Unificazione Marxista (POUM) combattè contro altri "socialisti", quei volontari Italiani e Tedeschi che scelsero l'altro fronte, che in seguito divenne Asse, e fu sconfitto anche da quel regime tanto ostico ad Orwell e che farà da filo conduttore delle sue opere più famose, "1984" e "La fattoria degli animali".

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.