Soldati di Salamina

Se non vado confondendomi (senilità), è di Oswald Spengler l’affermazione come, al fondo, ogni civiltà è difesa da un plotone di soldati. O se ne vede l’annuncio. Così la pensavano Lenin e Trotsky se osarono sfidare un mondo quasi totalmente ostile (a parte certe probabili complicità del giudaismo internazionale); e la Rivoluzione di Ottobre fu d’una minoranza di uomini decisi, animati da un (in) sano fanatismo, che seppero imporsi in un paese formato da masse ignare e succubi.

Operai e contadini ove il partito bolscevico contava poche decine di migliaia di militanti. Così accadde con la città di Fiume e l’impresa di D’Annunzio – e tanto Fascismo (nonostante si tenda, dietro l‘autorevolezza spuria del professor De Felice, a rilevarne i distinguo e le difformità e i contrasti) deve a quei mesi di legionari e arditi e simboli e ritmi e riti di cui il Vate fu creatore e dispensatore inesausto. E, con esso, quel primo Fascismo fatto di 18 BL con i suoi manipoli in camicia nera armati di randelli e bombe a mano. Da cui, ognuno con la propria peculiarità, presero naturale imitazione camicie brune e verdi e azzurre. Tutti “soldati di Salamina” (cito il titolo del libro di Javier Cercas del 2002, intrigante pur se avverso), cioè nel loro anonimato furono storia – e per noi – di nobile conio.

Nessuno – tranne pochissimi – se ne ricorda il tratto il nome il sangue versato né vi è piazza o via che ne indichi nome e cognome. Eppure, furono tutti e in qualche modo il plotone citato da Spengler o quei soldati di Salamina che ressero l’urto delle navi persiane. Oriente contro Occidente. Non sono sopravvissuti a sé stessi ma un mondo è sorto per loro merito una civiltà s’è preservata con il loro sacrificio. Un’Idea e un Capo, certo, per dare alla realtà uno Stile, ma buone gambe per marciare avanti e di nuovo avanti. È Napoleone ad affermare che, in guerra, è tutta questione di scarpe. Nella nostra esistenza, nell’impegno che ci siamo dati, incontri – in Stile Ribelle ne ho tracciati alcuni – che sono stati lezione. Uomini e donne che non pretendevano essere rappresentanti della Storia, eppure lo erano anche se non hanno trovato un cantore o un pittore che ne raffigurasse il gesto...                                                                  

Non si tratta qui di contrapporre i pochi contro i molti o viceversa. Nessun elogio delle masse (il loro irrompere nella scena politica del Novecento attraverso il fango e la trincea della Guerra Mondiale) o, simile a raccolta di figurine (quante he ho fatte da bambino!), incorniciare volti di condottieri. È ritrovarsi, senza pretesa d’essere io stesso uno di loro, con coloro che meritano essere annoverati in quel plotone o su una delle navi greche.

                     


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Covid 19 e proteste

di Adriano Tilgher

In questi giorni di semilibertà la gente ha iniziato a protestare. Protestano le categorie più trascurate, come agenzie di viaggi, tour operator et similia, protestano quelli presi in giro dal governo come ristoratori, albergatori, negozianti di vario genere, molti dei quali hanno preso i 600 euro ma difficilmente riescono ad attingere ai finanziamenti garantiti dallo stato, protestano i disoccupati che crescono esponenzialmente, protestano i sottooccupati e chi la vorava in nero, lavoro che non esiste più e tutte persone che non hanno preso una lira, né a fondo perduto, né in prestito.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Storie di donne e di gelati

Oggi voglio parlare di due donne, donne diverse, per stile, nazionalità epoche e fama, donne che hanno avuto in comune amori, arte e frequentazioni con un vecchio satiro, innamorato dell'Italia, del Fascismo e della poesia, quell'Ezra Pound, da molti ritenuto fra i più grandi poeti del secolo scorso.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.