Il tempo è scaduto

Stavo scrivendo come editoriale un appello a costruire una dimensione umana e politica nuova che potesse rappresentare un freno all’assurda decadenza attuale, ma mi sono reso conto che non c’è più il tempo. Dobbiamo assolutamente impedire, anche se molto difficile, quello che sta per accadere.

Non c’è più tempo per costruire alternative credibili, la mossa di Renzi di uscire dal PD lo ha posto in posizione di assoluto controllo di questo esecutivo “inconcepibile” la cui unica funzione sarà quella di liquidare in modo definitivo le ultime risorse dell’Italia.

Quando parliamo di risorse non ci riferiamo a quelle che Zingaretti, Renzi e sodali considerano tali, ovvero gli emarginati della terra, di quelli ne arriveranno tantissimi, ma ci riferiamo alle nostre ultime industrie, al nostro enorme patrimonio immobiliare, alle nostre stupende coste, al nostro incommensurabile patrimonio artistico, al grandissimo risparmio degli Italiani, costruito con il lavoro ed il sacrificio dei nostri padri.

Ormai si parla di “grecizzazione” dell’Italia, rimarremo senza più nulla e la nostra stupenda terra sarà gestita da altri con mano d’opera a basso costo fornita dalle più disparate etnie sradicate dalla loro terra. E’ un attacco massiccio alla nostra storia ed alla nostra cultura che fanno paura al pensiero unico dominante.

Svenderemo tutto e, siccome ci pagheranno con moneta a debito (euro o dollari non importa, sono sempre soldi che non possediamo né controlliamo), il nostro debito pubblico aumenterà esponenzialmente ed il nostro PIL crollerà definitivamente, aumenterà la disoccupazione e perderemo tutti i benefici sociali dovuti alla nostra profonda cultura del lavoro.

Ecco il baratro di cui parlavano, è alle porte e ce lo regalerà proprio questo governo se noi come popolo non daremo una grande spallata.

Occorre correre ai ripari e sostenere, con tutti i mezzi, anche se non ci piacciono, tutti coloro che si oppongono a questo governo.

Così come Monti rappresentò il governo di liquidazione dell’Italia, il governo Conte ne rappresenta l’atto finale.

L’Italia la più bella nazione del mondo, con un popolo dalle grandi capacità creative, con un patrimonio culturale inestimabile per la sua vastità ed importanza rischia seriamente di scomparire. Impediamolo!

Dobbiamo solo essere messi in condizione di lavorare e di utilizzare al meglio le nostre risorse con una moneta di nostra proprietà, gestita da una banca di stato, che a sua volta deve tornare efficiente per poi costruire un’Europa reale.

Si può ancora fare ma dobbiamo correre ai ripari.

Mandiamoli a casa subito o sarà troppo tardi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Qualcosa si muove

di Adriano Tilgher

Negli oltre due anni di vita di questo nostro Pensiero Forte abbiamo descritto quanto di orribile si sta realizzando in tutti i settori della società, non solo italiana ma di quasi tutto il mondo, in particolare quello occidentale. Tutto ciò che era certo, sicuro, incontrovertibile, oggi viene messo in discussione, ma non per una nuova e diversa concezione filosofica o una nuova dottrina o una nuova ideologia, ma soltanto per una serie abominevole di condizionamenti, informazioni distorte, forme di educazione aberranti e antisociali, univocità del messaggio comunicativo corrotto e corrompente. Il tutto agevolato da classi politiche incapaci, vendute al potere monetario e finanziario dominante.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I Compagni di Baal

Anno 1968: mentre nel vecchio continente scoppia la rivolta giovanile contro il sistema, la tv Francese ORTF manda in onda una miniserie televisiva in 7 puntate, Les Compagnons de Baal, in italiano I compagni di Baal, trasmessa poco dopo su Rai 1. La fiction, come si usa chiamarla oggi, parla di vicende che ruotano intorno ad una società segreta, "I Compagni di Baal", un’organizzazione esoterica e criminale che persegue il fine di dominare il mondo. Il nome è...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.