Stile ribelle

Don Chisciotte avanza, con scudo e lancia, su Ronzinante, stilizzato in nero e nero lo segue, fedele, Sancho Panza. Nero il terreno ondulato; in lontananza rossi i celebri mulini a vento che li trasformerà in mostri con cui cimentarsi. Il rosso e il nero con il bianco che fa loro sfondo. I colori della Tradizione. “Sono montato di nuovo in sella del cavallo di Don Chisciotte”, scrive nella sua ultima lettera il Che Guevara prima di inforestarsi nella selva boliviana. I mulini a vento gli squarceranno la gola; proiettili il petto. “Gli eroi sono tutti giovani e belli”, canta Guccini ne La Locomotiva. E pensare che il suo autore, il Cervantes, aveva ideato e composto un poema a sfregio e ironia dei racconti cavallereschi. Il sogno e l’ideale, eterni fanciulli, contro la stitichezza e il ghigno della ragione gli hanno tradito il senso e la mano. E noi quante volte abbiamo tentato di montare a cavallo per sfidare mulini e mostri. I sogni che ci rendono liberi; gli ideali che ci mantengono giovani.

E’ la copertina di Stile ribelle, Passaggio al bosco edizioni, autori Mario M. Merlino e Emanuele Casalena. E, nella parte da lui scritta (dieci figure “esemplari”), Emanuele a citazione sotto il titolo ricorda il Nietzsche dello Zarathustra quando ammonisce di preservare in noi il Chaos per veder nascere stelle danzanti.  L’età del nichilismo in quell’inquieto Novecento – la sua prima metà, soprattutto – ove nella notte il cielo sembrò darsi ad un tripudio di stelle e la terra atta al canto e all’incedere. Cita di Brasillach il primo autore “E noi viviamo nell’eminente dignità del provvisorio”, tratto da La ruota del tempo, che altro non è essere partecipi di quel Chaos e accettare dal destino dodici bocche da fuoco avide del suo sangue. La grossa goccia che gli cola e si espande dalla fronte simile ad una rosa, simile ad astro. Vinti, mai domi.                                

E’ un libro “buono”... Credo di sì o, per rimanere prossimi a Nietzsche, “un libro per tutti e per nessuno”. Lasciare un segno. Questo spetta, il giudizio, al lettore; gli autori possono solo, sommessamente, dire che hanno tentato d’essere altro e alto. E qui le parole cessano d’essere d’aiuto. “Vivere, vivere con intensità”...

E Don Chisciotte avanza, comunque e nonostante tutto, e noi con lui. Perché nostri i sogni, nostri gli ideali, magari piccoli e irrisi, tenaci e arditi però. Uno Stile, crediamo, non si piega al tempo alle circostanze; nel bosco, in qualche sconosciuta radura una voce annoda il verso sgorga il canto si fa vanto d’essere lupo non gregge. Si rende, sì, ribelle. Appunto.           


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Qualcosa si muove

di Adriano Tilgher

Negli oltre due anni di vita di questo nostro Pensiero Forte abbiamo descritto quanto di orribile si sta realizzando in tutti i settori della società, non solo italiana ma di quasi tutto il mondo, in particolare quello occidentale. Tutto ciò che era certo, sicuro, incontrovertibile, oggi viene messo in discussione, ma non per una nuova e diversa concezione filosofica o una nuova dottrina o una nuova ideologia, ma soltanto per una serie abominevole di condizionamenti, informazioni distorte, forme di educazione aberranti e antisociali, univocità del messaggio comunicativo corrotto e corrompente. Il tutto agevolato da classi politiche incapaci, vendute al potere monetario e finanziario dominante.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I Compagni di Baal

Anno 1968: mentre nel vecchio continente scoppia la rivolta giovanile contro il sistema, la tv Francese ORTF manda in onda una miniserie televisiva in 7 puntate, Les Compagnons de Baal, in italiano I compagni di Baal, trasmessa poco dopo su Rai 1. La fiction, come si usa chiamarla oggi, parla di vicende che ruotano intorno ad una società segreta, "I Compagni di Baal", un’organizzazione esoterica e criminale che persegue il fine di dominare il mondo. Il nome è...

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.