Rivoltare il tavolo Rivoltare il tavolo

di Adriano Tilgher

Una volta individuato il nemico, va evitato e neutralizzato con tutte le forze. Il liberismo è una peste sociale ed è il nemico.

Tutti coloro che si schierano sotto l’egida del liberismo sono al servizio del nemico e, non importa se si definiscono di destra o di sinistra, sono comunque nemici dell’umanità.

Avere ben saldo questo principio è il primo passo per affrontare tutti i gravi problemi che travolgono la nostra quotidianità: tocca tornare ad essere i protagonisti del nostro futuro e non restare dei meri consumatori, altrimenti ci sono i popoli emergenti molto più numerosi di noi e quindi molto più appetibili da chi cerca solo mercati da utilizzare.

Se non capiamo, che siamo poco richiesti come consumatori e quindi destinati ad essere o sostituiti o incrementati artificialmente con l’immigrazione forzata, saremo abbandonati ad un destino di fame e di miseria.

Le uniche cose che interessano sono i nostri stupendi territori e il nostro infinito patrimonio culturale, anche senza di noi, per creare paradisi artificiali per i ricchi del pianeta, visto che noi non abbiamo saputo e voluto farlo.

Ma queste ricchezze senza i nostri uomini e le nostre donne non sono fruibili compiutamente. Il genio italico è fondamentale per questo e per tante altre cose.

Il popolo italiano è stato capace di cose eccellenti quando ha avuto ottimi esempi e di cose spregevoli quando i riferimenti sono diventati spregevoli. Quindi è necessario ricreare degli esempi nei quali valga la pena riconoscersi, sono esempi che già esistono ma cui va dato il giusto ruolo politico e sociale. L’importante è riconoscerli e riconoscersi; per questo è fondamentale un serrato confronto tra pensieri forti anche discordi, perché proprio dal confronto può nascere quella chiarezza, che porti ordine nella confusione drammatica di valori e principi che esiste oggi.

E’ l’unico modo per uscire da questa situazione apparentemente senza sbocchi e ridare un futuro per le nuove generazioni.

Uno dei problemi sul tappeto è la denatalità che, forse, agli inizi era dovuta ad un egoismo strisciante delle giovani coppie, ma oggi è frutto della paura di mettere al mondo delle creature che vengono abbandonate a se stesse senza la prospettiva di una ragione concreta del vivere.

In questo modo, piano piano, emergono i veri problemi della politica: restituire certezze, valori e ottimismo verso un futuro, ridare speranza, rendere validi i motivi per cui occorra vivere e aprire ampie possibilità per i giovani. Si badi, le possibilità sono sicuramente anche di lavoro, ma sono soprattutto di poter esprimersi ed incidere nella società; cosa sicuramente impossibile, se a determinare la vita sono coloro che in nome del mercato e del profitto decidono come si debba vivere condizionando le scelte di tutti E’ questa la ragione prima per cui la scuola deve essere solo tecnica, la famiglia deve essere smembrata, lo stato deve essere demolito, la corruzione deve dilagare e la politica deve abbassarsi a livello di semplice amministrazione dell’esistente, magari amministrando male e scorrettamente.

Sono cose semplici da capire ma fondamentali per … rivoltare il tavolo.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Ancora sulle elezioni americane

di Adriano Tilgher

Quante strane cose osserviamo ogni giorno, quante strane notizie leggiamo sul web e non ci è mai dato sapere quali siano vere e quali false. È facile essere indotti in errore. Durante il periodo di clausura forzata per l’epidemia ci hanno bombardato di pubblicità televisiva per costringerci a leggere soltanto i giornaloni di regime, perché gli unici che dicono la verità. Poi, a nostre spese, ci siamo resi conto di quanto questa affermazione fosse falsa. Come destreggiarci tra le milioni di informazioni che quotidianamente ci raggiungono? Su cosa basare la nostra consapevolezza?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

De-Struttura-Azione

Con la caduta delle ideologie novecentesche e il manifestarsi dell'ideologia liberista come unica ideologia applicata ed accettata si sente la necessità della costituzione di un patto federativo delle molte realtà territoriali non allineate, ma come strutturarle? A destra si tende ancora a ricercare la figura del leader carismatico, a sinistra si ricercano le "consorterie", nella peculiarità tutta italiana del Movimento 5 Stelle, grande enfasi veniva posta sulla teoria, dell’uno vale uno, in pratica Grillo e Casaleggio dispotici leader del movimento predicavano gruppi senza leader e senza struttura come principale forma organizzativa.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.