La rivoluzione conservatrice di Adriano Romualdi

Tra i tanti studi della sua breve e feconda esistenza, Adriano Romualdi ne dedicò uno particolarmente empatico alla Rivoluzione Conservatrice tedesca, mondo che a lui era caro anche per questioni famigliari.

La conoscenza della lingua tedesca permette a Romualdi di penetrare con la solita lucida analisi in un ambito molto variegato e niente affatto alieno da posizioni anche diverse, benché caratterizzato da un comune denominatore: la critica alla debole e corruttrice democrazia di Weimar condotta a partire dai valori del combattentismo che si riconnettono al neoromanticismo d’età guglielmina e si proiettano verso quello che Moeller van den Bruck chiamava il Terzo Reich.

La tradizione a cui si riconnette la Rivoluzione Conservatrice non evoca precise forme politiche del passato, ma a tendenze in genere antiegualitarie e rivoluzionarie. Per il giovane intellettuale della destra radicale, non si tratta di esplorare un’ideologia tedesca, ma di esaminare una risposta europea alla crisi della Kultur, all’atomizzazione liberale cui contrappone l’organicità di una comunità di popolo. La Rivoluzione Conservatrice è il breve tratto di una reazione che parte dalla critica alla rivoluzione francese, rimasta sottotraccia nella cultura europea; lo stesso parlare di una tendenza tedesca è solo una convenzione, rappresentando l’Europa un’unità di cultura. L’affermazione in Germania delle tendenze rappresentate dalla Rivoluzione Conservatrice nasce da una transizione all’industrialismo organizzata e guidata da un’aristocrazia che aveva mantenuto le leve del potere e che, con i suoi valori e ideali, costituiva un magnete capace di attrarre la stessa borghesia. L’esatto contrario di quanto l’industrialismo aveva provocato in Inghilterra e Francia in cui, invece, furono gli ideali e i valori borghesi ad attrarre i ceti aristocratici.

In Germania si realizzò così una militarizzazione della società, da intendersi, chiarisce Romualdi, non come creazione di una generalizzata atmosfera da caserma, quanto come riconoscimento di valori superiori ai propri interessi particolari ed egoistici. Un modello, questo, che si trasferisce anche in fabbrica nel rapporto feudale di lealtà e fiducia tra imprenditore e lavoratori; rapporto feudale che non a caso era un modello nato nel Sacro Romano Impero germanico.

La Rivoluzione Conservatrice, nella lettura romualdiana, si manifesta come volontà di inserire le masse mobilitate dall’età industriale educandole al culto dei valori militari, anti-individualistici, solidaristici, che sono un retaggio dell’età pre-borghese.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Bisogna stare attenti

di Adriano Tilgher

Ormai è tutto molto chiaro. Esiste un governo fatto da coloro che fino a ieri erano l’un contro l’altro armati e che oggi sono compagni di merende, succubi inerti ed impotenti sotto un padrone che li fa parlare, li fa agitare, li fa proporre ma poi fa ciò che gli pare.

Tutto questo mi fa paura, l’incoscienza e lo spirito antitaliano delle più alte autorità di quello che rimane dello stato italiano hanno consentito, in nome della più inosservata carta costituzionale (buona per tutte le soluzioni), una serie di colpi di stato che oggi hanno messo il destino nostro e dei nostri giovani nelle mani di un personaggio, freddo, calcolatore, che nessuno controlla e nessuno può fermare, soprattutto perché la gente è convinta di avere un nuovo salvatore.

Siamo in una situazione disperata, grazie proprio a quel mito fasullo della democrazia, per cui i più contano e i meno non contano nulla; proprio quei più che sono frutto dei condizionamenti dettati dai media totalmente in mano ai detentori delle risorse planetarie che vogliono dominare il mondo e trasformare gli esseri umani in consumatori compulsivi privi di volontà.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Vogliamo i Colonnelli

1934, Giovacchino Forzano (Borgo San Lorenzo 1883 Roma, 1970) regista amico di Benito Mussolini, convince il Duce del bisogno di dotare l'Italia di una città del cinema, su modello Hollywoodiano, 3 anni dopo sarà fondata Cinecittà, ma la prima vera città del cinema, dotata di teatri di posa e di maestranze specializzate nasce a Tirrenia il Toscana, a metà strada fra Pisa e Livorno. Forzano rileva la struttura della Tirrenia Film un complesso di stabilimenti cinematografici costruiti su disegno dell'architetto Antonio Valente. Al progetto viene dato il nome di "Pisorno", unendo i nomi delle 2 città toscane eternamente rivali, Pisa e Livorno. Forzano reduce dal successo commerciale del Film "Camicia nera" del 1933 dotò Pisorno di nuove professionalità fino ad allora scarsamente rappresentate in Italia, fonici, tecnici del suono, ispettori di produzione, molti dei quali,  si trasferirono successivamente negli stabilimenti di Cinecittà. Negli stabilimenti della Pisorno reciteranno tra gli altri: Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Klaus Kinski, Eduardo de filippo, Ugo Tognazzi, e Fred Astaire. Forzano vi diresse i film “Sei bambine e il Perseo” (1939), “Il re d'Inghilterra non paga” (1941), e “Piazza San Sepolcro” (1942). Vi è stato girato anche il primo "cinecomics" italiano "Cenerentola e il signor Bonaventura" diretto nel 1941 da Sergio Tofano, che portò sullo schermo quel "Signor Bonaventura", esordito nel 1917 sul Corriere dei Piccoli. Durante le riprese la famiglia Forzano viveva spesso a Tirrenia, ed il figlio Giacomo, insieme ad amici era solito fare scherzi, che verranno poi immortalati sul grande schermo nella trilogia di "Amici Miei", si perchè fra quei ragazzi c'era anche Mario Monicelli.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.