Europa ed elezioni

Ormai manca poco più di un mese dalle elezioni cosiddette europee che dovranno rinnovare il cosiddetto Parlamento europeo, un’istituzione tanto costosa quanto inutile e priva di qualsiasi valenza politica.

Pertanto nei prossimi mesi, sentiremo chi richiede più Europa, chi vuole spostare più a destra (???) il PPE, chi vuole rivedere i trattati, chi vuole ridiscutere tutto, chi vuole l’esercito europeo, chi la polizia europea, ecc.

Nessuno però dirà che l’Europa non esiste, che finché esisterà l’Unione Europea sarà un reale ostacolo alla nascita dell’Europa, che, se non si darà vita all’unità politica dell’Europa con il coinvolgimento dei popoli europei nella costruzione di una nazione unita nella quale riconoscersi, tutto sarà visto dagli Europei come qualcosa di estraneo.

Qualunque cosa si dovesse realizzare, dall’esercito alla polizia, dalle leggi repressive ai dazi, tutto sarebbe nelle mani di una genia di burocrati eterodiretti che nessuna attenzione hanno verso l’Europa tranne un interesse personale diretto.

Tutto questo verrebbe fatto sulle spalle dei cittadini europei che ne subirebbero le conseguenze come è stato con l’euro, una moneta apolide che non appartiene a nessun popolo, manovrata da speculatori senza scrupoli che tanti danni ha creato alle economie nazionali, proprio per la mancanza della tutela politica.

Noi siamo europeisti veri e lo siamo proprio perché, per usare un termine alla moda che non ci piace, siamo sovranisti. Come si fa a non capire che proprio dall’interesse nazionale dei singoli popoli deriva la necessità di costruire un’unità politica più ampia che ci difenda dalle grandi concentrazioni finanziarie, che solo la massiccia potenzialità culturale europea può salvare l’umanità intera dalle tragiche conseguenze prodotte dal liberismo e dal mercatismo.

Proprio se amiamo la nostra terra, il nostro popolo, la nostra storia, la nostra cultura, la nostra patria non possiamo non volere che tutti i popoli europei si uniscano in una grande patria che difenda e protegga le peculiarità di ogni singolo popolo.

Ci vuol poco a capire quale potenza verrebbe fuori se riuscissimo realmente a mettere insieme le capacità creative degli Italiani con il senso dell’organizzazione tedesco, la fantasia produttiva dei Francesi, lo spirito costruttivo degli Spagnoli e così via. Il tutto ovviamente alimentato da un patrimonio storico e culturale unico ed irripetibile.

È forza, è potenza, e di tutto questo l’umanità ha bisogno per uscire dalla società dei diritti senza doveri, dalla concezione della vita come mercato e per tornare a godere dei piaceri e delle gioie superiori che la vita può dare solo in una dimensione umana e, passatemi la parola ormai desueta, spirituale.

L’uomo è un essere sociale che vive nella famiglia, le famiglie per proteggersi si sono riunite in tribù e comunità più ampie che nel tempo sono diventate popoli e nazioni. Oggi per proteggere l’uomo, le famiglie, quei popoli, le nazioni serve, un’Europa realmente unita sul piano politico.

È la scommessa del futuro nella quale vale la pena impegnarsi.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La società dell'assurdo

di Adriano Tilgher

Certe volte mi sembra di vivere in un tempo non mio; tutto quello che per me è normale per chi gestisce i mezzi di comunicazione è assurdo e piano piano la gente si convince che è assurdo e, siccome dicono che viviamo in democrazia e i più si convincono che l’assurdo è normale, viviamo in una realtà che secondo me è falsa e distorta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Influencer

1970, Adriano Celentano, assieme alla moglie Claudia Mori, interpreta una delle sue canzoni più famose e dal forte impatto sociale, “chi non lavora non fa all'amore”. Era l'epoca degli scontri sociali, delle ideologie vive, e ben nutrite dal sangue dei giovani caduti sulle opposte fazioni, il sogno del sessantotto, che aveva unito per pochi giorni una generazione, era già diventato l'incubo, dei diritti senza doveri, del 6 politico e del libero amore. La chiesa, dopo millenni, con la chiusura del Concilio Vaticano secondo si era spostata in direzione antropocentrica, (l'antropocentrismo, dal greco anthropos, uomo, e kentron "centro", è la tendenza a considerare l'uomo, come centrale nell'Universo).

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.