la societa sessualizzata

La società sessualizzata

La società occidentale è ormai in piena crisi, schiacciata in ogni sua espressione dal liberalismo, l’ideologia dell’individuo, il cancro che uccide il mondo. La conseguenza prima della totalizzante ideologia liberale è la sconnessione totale tra le persone e qualsiasi presupposto di natura comunitaria. Questo aspetto chiaramente non fa altro che permeare come un veleno all’interno del tessuto sociale, dissolvendolo a poco a poco in ogni sua componente, tra le quali anche quella erotica. Viviamo ormai in una società totalmente sessualizzata, ovunque puntiamo lo sguardo veniamo bombardati costantemente da tonnellate di simboli, messaggi e quant’altro alluda al sesso nel senso più materiale e bestiale del termine. La società contemporanea è ormai il luogo in cui si assiste ad una esasperazione dell’erotismo, che non risparmia nessuno, poiché essa è martellante, totalizzante, ossessiva; bambini, giovani, adulti e anziani sono costantemente oggetto di un attacco che mina le fondamenta della comunità. Dalla pubblicità ai riferimenti culturali passando per la quotidianità, tutto è grondante di allusioni sessuali, esplicite e non, che oltrepassano spesso il limite della decenza. La sessualità è certamente una componente fondamentale della vita, poiché è il presupposto biologico della vita stessa, e proprio su questo presupposto biologico, istintivo, animale, fa leva il capitalismo, creando una frattura violenta proprio nei valori componenti la sessualità. Parlando di sessualità, dobbiamo necessariamente parlare di comunità e di civiltà; poiché l’una influenza l’altra e getta le basi per una costruzione sociale più complessa. Fin dagli albori, la storia dell’uomo si è eretta su una fondamentale struttura sociale, quella della famiglia, ovvero l’archetipo della comunità e quindi della civiltà. È pacifico dire che civiltà significa anche mettere in secondo piano gli istinti primordiali che ci caratterizzano biologicamente, per addivenire ad una morale civile più alta ed altra, che elevi la nostra vita al di sopra della “lotta per la sopravvivenza” tipica del contesto animale. Questo implica che il sesso sia concepito soltanto all’interno di un contesto relazionale che aspiri all’immenso, che abbia un perché, un obbiettivo ultimo che non sia soltanto quello del mero godimento. Il dramma della società liquido-moderna nell’ambito della sessualità e quindi delle relazioni intime è che si è perpetrato uno scollamento violento tra “sesso”, “eros”, e “agape”. Questa violenta frattura creata dal sistema turbo capitalista, a sua stessa misura, ha contribuito, insieme ad altri molteplici fattori, a creare una concezione di sessualità, ovvero quella della “sessualità-consumo”, basata appunto sul consumo sfrenato, eccessivo dei prodotti che il mercato ci offre in questo senso; prostituzione, pornografia, zoofilia, pedofilia, e altre oscene perversioni, tutto ad un certo punto può apparire lecito, poiché la logica di questo modello di sessualità, non è l’armonica qualità del rapporto che è in essere nel “trinomio” sopra espresso, bensì è la quantità consumata. Il sesso-consumo è come una droga, ha bisogno di un costante aumento di dose per riprodurre lo stesso effetto, lo stesso piacere materiale; annichila le menti dei giovani e non solo, alimentando lo sviluppo di “ipersessuali” che non sono capaci di relazionarsi con il sesso opposto; ragazze sempre più frigide e ragazzi sempre meno maschi che vivono in ogni caso una sessualità malata, distorta, eccessiva, e proprio nell’eccesso costante e duraturo, trovano il loro piacere fisico, materiale. Un problema quindi di varia natura, che investe molteplici sfere della vita civile; la risoluzione di questo dramma postmoderno, passa unicamente per la ricostruzione dello stato, ente unico in grado di garantire alle generazioni future un’educazione ben orientata verso i valori etici, spirituali, sociali e civili che fecero grande il popolo europeo, e dei quali si avverte, in questo mondo così fluido e che sembra andare al contrario, l’assoluta mancanza.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.