Contro la mediocrità dell'oggi

È impressionante l’ignoranza della società di oggi. Una mediocrità diffusa che alimenta il convincimento di essere tutti belli, forti, capaci di capire tutto, di sapere tutto, di poter mettere lingua su tutto.

Ignoranza che è frutto della mediocrità e dell’asservimento al profitto degli accademici, dei sedicenti uomini di cultura e della classe politica di questo nuovo millennio.

Un tempo eravamo solo selezionatori della nazionale di calcio, oggi ci sentiamo primi ministri, scienziati, grandi avvocati, grandi letterati, … e a buon diritto vista l’estrema mediocrità di quelli che oggi occupano quei ruoli.

Tutto ci è permesso, possiamo discettare di storia, di filosofia, di scienza, di arte, senza aver letto un libro, un documento, un trattato, senza aver visto un museo, perché chi dovrebbe avere l’autorità scientifica per parlare di queste cose, essendosi venduto, spesso dimostra di saperne meno di noi. Poi ci mettiamo su una tastiera e tranciamo giudizi su tutto e su tutti. Così ci convincono di essere liberi e non capiamo invece quanto tutto ciò documenti il degrado e la bassezza cui stiamo arrivando.

Lo specchio della bassezza del mondo in cui viviamo sono le nostre città.

Le strade sono sporche, ma siamo noi che le sporchiamo; gli amministratori non le fanno pulire, ma siamo noi che abbiamo scelto quegli amministratori e quando cambiamo il nostro voto, scegliamo sempre l’amico dell’amico perché forse ci può aiutare; gli spazzini, o operatori ecologici che dir si voglia, boicottano, ma siamo noi che glielo permettiamo anche perché se fossimo al loro posto faremmo lo stesso e via di questo passo.

Potremmo continuare all’infinito e dire le stesse cose per la scuola, la famiglia, la sanità, i luoghi di culto, ecc. Perché questo degrado? Perché questa decomposizione della società? Semplice: non esiste più l’Ordine, trasposizione in regole dell’Ordine Naturale, per cui tutto viene messo in discussione nulla è certo, non vi è alcun assoluto, tutto è relativo.

La donna non è donna, l’uomo non è uomo, il bianco non è bianco, il nero non è nero, il bello non è bello, il brutto non è brutto. Vale non ciò che è ma ciò che appare. Vale molto di più un trafficante di droga che ha sulla coscienza tante vite spezzate, ma che vive in ville sfarzose, cammina in Ferrari e da’ stupende feste e festini a base di sballo di vario genere, di un oscuro ricercatore che passa la sua vita in strane ricerche che forse domani potranno salvare tante vite, ma che nel migliore dei casi può permettersi un monolocale ed un’utilitaria di quarta mano.

Vale molto di più una prostituta d’alto bordo vestita all’ultima moda con addosso capi tutti firmati e che è sempre al centro degli interessi dello spacciatore di cui sopra, di una mamma che dedica la propria vita a crescere i figli che ha messo al mondo cercando di educarli ai valori fondanti di una società a dimensione umana.

Che follia ancora penso ai valori umani, alla maternità, alla creatività, allo spirito, sono proprio ridicolo. Secondo te vale più Cristiano Ronaldo o Pirandello? La velina televisiva o Grazia Deledda? Che domande banali!!!

Certo, i miti di oggi sono calciatori e ballerine perché i grandi personaggi della cultura, dell’arte, dello spettacolo, del pensiero non esistono più.

Esiste solo tanta ignoranza, tanta mediocrità, il tutto cloroformizzato, creato, costruito da quella grande corruttrice di massa che è la televisione spazzatura, che ci fa sembrare tutti più colti ed intelligenti, ma ha creato solo degli involucri omogenei che impediscono lo sviluppo delle vere personalità di ognuno.

Fortuna però che le eccezioni esistono anche se la cultura massificata non li fa conoscere ai più e noi dobbiamo metterli insieme.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La società dell'assurdo

di Adriano Tilgher

Certe volte mi sembra di vivere in un tempo non mio; tutto quello che per me è normale per chi gestisce i mezzi di comunicazione è assurdo e piano piano la gente si convince che è assurdo e, siccome dicono che viviamo in democrazia e i più si convincono che l’assurdo è normale, viviamo in una realtà che secondo me è falsa e distorta.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Influencer

1970, Adriano Celentano, assieme alla moglie Claudia Mori, interpreta una delle sue canzoni più famose e dal forte impatto sociale, “chi non lavora non fa all'amore”. Era l'epoca degli scontri sociali, delle ideologie vive, e ben nutrite dal sangue dei giovani caduti sulle opposte fazioni, il sogno del sessantotto, che aveva unito per pochi giorni una generazione, era già diventato l'incubo, dei diritti senza doveri, del 6 politico e del libero amore. La chiesa, dopo millenni, con la chiusura del Concilio Vaticano secondo si era spostata in direzione antropocentrica, (l'antropocentrismo, dal greco anthropos, uomo, e kentron "centro", è la tendenza a considerare l'uomo, come centrale nell'Universo).

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.