Stasi tricologica

Dal 5 al 9 febbraio, si svolgerà al teatro Ariston di Sanremo il sessantanovesimo festival della canzone Italiana, con il solito strascico di polemiche, è cambiato il Governo, è cambiato il direttore della Rai, ma il Festival dell'Unità Sanremese resta l' amplificatore del Politicamente corretto, Claudio Baglioni, attacca il governo sulla situazione dei Migranti, nella sua veste di fondatore della "Fondazione Oscià" che si occupa appunto di "sensibilizzazione sul delicato tema dell'emergenza immigrazione". Ma come dice il refrain, Sanremo è Sanremo, ha sempre suscitato polemiche, lanciato mode, e qualche volta profetizzato.

Nel 1997 il premio della critica nella categoria nuove proposte va ad un giovane romano laureato in filologia romanza, Niccolò Fabi, con il suo brano “Capelli”. Ma quanto influiscono i capelli nella vita di ognuno di noi? L'ex cantante sulle navi da crociera, Silvio Berlusconi, si è rivolto probabilmente all'ex chitarrista della band Bazzanese de "I Vagabondi," un certo Cesare Ragazzi, inventore della protesi tricologica. Donald Trump nel febbraio dello scorso anno ha ammesso pubblicamente: “Faccio l'Impossibile per mascherare la mia calvizie”.

Germania, una ragazza che passeggiava lo scorso dicembre per il mercatino di Natale di Chemnitz, città extracircondariale della Sassonia, è stata bloccata dalle forze dell'ordine perchè aveva le trecce, i poliziotti l'hanno interrogata sul motivo per cui portasse i capelli in quel modo, e se avesse simpatie politiche di estrema destra. La ragazza ha subito girato un video in cui racconta l’accaduto e l’ha caricato su Youtube. Lo spiacevole qui pro quo è sicuramente da mettere in correlazione con la pubblicazione di una brochure che il ministero della Famiglia per conto dell'"Amadeu Antonio Foundation" ha fatto circolare negli asili Tedeschi. Ai maestri è stato dato il manuale “Ene, mene, muh und raus bist du! Ungleichwertigkeit und frühkindliche Erziehung” un tomo di 60 pagine dove sono descritti gli atteggiamenti utili a far insospettire gli insegnanti. Sfogliando il manuale si possono leggere domande tipo "come comportarsi se un genitore esprime commenti o frasi razziste o contrarie agli immigrati, alle altre culture e religioni". I bambini dovrebbero riferire di atteggiamenti sospetti dei loro cari, in pratica divenire delatori nei confronti dei propri genitori. La descrizione che il manuale dà di bambini provenienti da una famiglia appartenente a un gruppo “neo-nazista”: «la bambina indossava vestitini e aveva le trecce, mentre il figlio maschio capelli corti, e si applicava in vari sport ed esercitazioni fisiche».

La reazione dei partiti politici non si è fatta attendere, e non solo di quelli appartenenti a partiti all'estrema destra. L’AfD, ha accusato l’Amadeu Antonio Foundation di usare «gli stessi metodi della Stasi». Oltre all'aspetto fisico secondo il manuale vanno tenuti d'occhio anche i genitori che ai figli “insegnano a svolgere le faccende domestiche”.

Ma se in Germania una bionda treccia diviene motivo di pubblico ludibrio, in Italia è anche peggio, non importa l’acconciatura, già solo il colore dei capelli è sospetto. Viola Carofalo, leader del partito Potere al Popolo, attraverso il proprio profilo Facebook attacca Chiara Ferragni, ma non per aver messo in vendita un bene pubblico come l'acqua in una bottiglietta da 50 cc a 8 euri, ma per la campagna pubblicitaria della Pantene, a cui la Ferragni presta il volto. "Questa pubblicità avrebbe dovuto rappresentare un riscatto per le donne, una spinta ad “accettarsi, per non sentirsi obbligate ad adeguarsi ai modelli vigenti in materia di capelli... la Ferragni sminuisce le battaglie femministe… la testimonial non è una ragazza con gli afro, o, per fare un altro esempio, una donna con pochi capelli perchè sta facendo la chemio. È Chiara Ferragni: lunghi capelli biondi sempre in piega" nelle parole della Carofalo la bionda influencer diventa un simbolo della destra populista, fobillatrice di odio, sessismo e razzismo.

Il Politicamente corrotto (non è un errore ortografico) ha raggiunto vette irraggiungibili, abbiamo scoperto che Pippi Calzelunghe era una pericolosa Nazista dell'elevata pericolosità sociale, ed Anna dai Capelli Rossi una fobillatrice Repubblichina. Prima che la stasi venga a prendermi, ci tengo a comunicare ufficialmente, di non essere una "Testa Rasata" e quindi pericoloso criminale, si chiama calvizie.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

A chi appartiene il domani?

di Adriano Tilgher

Io non so se questa pandemia sia vera o inventata, non so se sia stata creata in laboratorio o trasferita dai pipistrelli, non so dove inizi la verità e dove la menzogna (che i più schiavi di tutti chiamano “fake news”), ma soprattutto non so dove andremo a finire. Sicuramente so che di questo Covid 19 pochi sanno qualcosa che viene spesso trasformata e imbrogliata da chi, al servizio di interessi terzi, ha inteso approfittarne per incutere terrore nella gente affinché tutti accettassero di non vivere per evitare di morire.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

No Vax no Dux

30 maggio 1431 Giovanna d'Arco morì arsa viva dopo un processo per eresia. 14 maggio 2020 la deputata del gruppo misto Sara Cunial, eletta con il movimento 5 stelle, ed espulsa ad aprile 2019 ha tenuto un discorso alla Camera, in cui ha criticato il governo per la gestione dell’emergenza coronavirus. Nella lettura del discorso, tenuto con voce tremolante ma di forte impatto emotivo, ha sferrato un attacco diretto al Presidente del Consiglio Conte, al Presidente della Repubblica, a Big Pharma a Bil Gates e a tutto ciò che gira intorno a varie teorie, considerate di controllo da alcuni, e di complotto da altri.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.