Tornare a lottare

Tornare all’impegno ed alla lotta politica è un imperativo categorico. La fine drammatica dei popoli europei e di ciò che rimane di culture millenarie che hanno caratterizzato un’esponenziale crescita delle comunità può e deve essere fermata.

L’imbarbarimento economicista e relativista, frutto della subcultura materialista, deve essere sconfitto con un forte impegno politico.

Esistono numerosi pensatori che delineano in modo saggio e consapevole le cause di questa crisi ma molti di questi si fermano all’analisi esclusivamente economica, altri ancora non vanno oltre la fase teorica, anche se in modo convincente e suggestivo, infine ci sono quelli che sono rassegnati all’inevitabilità deli eventi.

Nessuno propone soluzioni concrete, tranne degli slogan e delle frasi, come sovranismo e populismo, prive di senso se non sostanziate con una precisa visione della vita ed un concreto progetto politico.

Nei nostri articoli di questo primo anno di vita de Il Pensiero Forte abbiamo cercato in modo chiaro di delineare l’una e l’altro e di questo trarremo le conclusioni nel convegno di sabato e domenica prossimi a Montecatini. Infatti non è casuale il titolo del convegno stesso: “Le basi di una Rinascita Nazionale”.

Tutto però non ha senso se non è il presupposto di una lotta politica a tutto campo che nasca dall’analisi completa di quello che sta accadendo.

Siamo realmente consapevoli di quanto accaduto in relazione alla progressiva e rapida perdita di sovranità avvenuta in questi anni? Sappiamo quanti sono i decreti del Presidente della Repubblica che hanno recepito regolamenti e norme costruite dai tecnocrati della UE senza sottoporli al vaglio del Parlamento? Quante sono le leggi approvate e gli accordi internazionali siglati senza che sulla stampa o sulle radiotelevisioni vi sia data alcuna notizia?

Vi sono fatti gravissimi di cui siamo tenuti all’oscuro e che possono condizionare pesantemente addirittura la sopravvivenza della nostra Italia, ormai sempre meno nostra, finita in mani di pochi grazie al tradimento della maggior parte della nostra classe dirigente.

È possibile ribaltare questa situazione e recuperare lo spazio e il tempo perduto?

Penso di sì, ma bisogna agire subito e con idee estremamente chiare: per esempio è possibile restare nella UE? Credo sempre meno, si può tentare, ma il tempo sta scadendo, di modificare i contenuti degli accordi di Mahastricht, Lisbona, Basilea ecc. che ci stanno legando mani e piedi a un meccanismo di potere acefalo e privo di qualsiasi garanzia. Un mostro tentacolare da sopprimere e da sostituire con una vera Europa politica dotata di una sovranità autonoma che garantisca la sovranità e le peculiarità dei popoli che la compongono.

L’alternativa è uscirne rapidamente ed ai terroristi che prevedono catastrofi economiche e finanziarie, cosa in cui non credo se costruiamo una moneta fondata sull’enorme patrimonio culturale di cui siamo possessori esclusivi, rispondiamo che è meglio morire con dignità che morire da schiavi. Ma siccome non finiremo promettiamo a queste cassandre vendute e prezzolate che il loro futuro è quello dei traditori.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia e i diktat

di Adriano Tilgher

Sono oltre 70 anni che l’Italia subisce i diktat altrui senza reagire, ma neanche mediare. Da quando il 25 aprile 1945 il nostro territorio è stato completamente occupato dalle truppe anglo-americane e la resa senza condizioni firmata di nascosto il 3 settembre del 1943 e resa pubblica l’8 settembre successivo è diventata un diktat imperativo con il trattato di Parigi del 1947, l’Italia è diventata una nazione a sovranità limitata con 20.000 soldati americani - forniti di ordigni nucleari, missili e armi sofisticatissime, in basi autonome ed indipendenti da qualsiasi controllo anche giudiziario - che occupano il nostro territorio, ancora oggi.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Attacca, Boia!

1952, Pinuccia, Diana, Lisetta e Tonini (Antonietta), le sorelle Nava, Soubrettes, attrici e cantanti, portano in palcoscenico una satira bonaria del fascismo e del suo Duce con uno spettacolo che mutuava il titolo da un verso dell'opera lirica Tosca: Dinanzi a lui... Tre Nava tutta Roma. Le 4 sorelle figlie di Brugnoletto, (nome d'arte attribuito da Trilussa a Giuseppe Ciocca) e della circense Giorgina Nava, durante il Regime facevano parte della compagnia Teatrale di Nino Taranto Nel 1945 sono al fianco di Carlo Campanini e Alberto Rabagliati in Pirulì Pirulì, spettacolo firmato dal duo Garinei e Giovannini. Sino agli anni 70 le sorelle Nava saranno impegnate oltre che sui palcoscenici di tutta Europa anche in radio, cinema e tv calcando il palcoscenico al fianco di artisti come Totò, Macario, Carlo Dapporto e Nino Manfredi. Pinuccia leader del gruppo e capocomico, iniziava ogni spettacolo dando il via all'orchestra al grido di Attacca, Boia!

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.