L’Italia, la Francia, l’Europa.

L’Italia ha un governo che tira, che fa, che decide e, da solo, se la vede con l’Unione Europea che cerca di ostacolarlo in tutti i modi.

D’altra parte manca un’opposizione anche perché i servitori dei poteri forti sono stati delegittimati dai poteri forti stessi e il confronto con il Governo Italiano lo reggono i burocrati UE lautamente pagati.

Ma manca anche il sostegno della piazza che dovrebbe spingere affinché il Governo, da una parte, incalzi sempre più la UE per ottenere maggiori margini di autonomia per tirare l’Italia fuori dal baratro in cui l’hanno ficcata le politiche dissennate del centrodestra e del centrosinistra, dall’altra, affronti i difficili temi di una nazione, come la nostra, in piena decadenza etica, culturale, politica, identitaria.

Siamo messi proprio male e… la piazza non c’è!!!

In Francia al contrario un governo voluto costruito e mantenuto dai poteri forti in chiave anti Fronte Nazionale, viene pesantemente contestato dalla piazza. Una piazza viva, forte, propositiva, che palesa tutta l’ostilità verso un corpo estraneo, l’Unione Europea, di cui l’insignificante Macron è uno strenuo paladino.

La Francia sta meno male di noi ma… la piazza c’è!!!

E l’Europa?

L’Europa non c’è, non è mai nata; è la grande assente nella scena politica nazionale ed internazionale. Manca proprio l’Europa, il grande continente carico di storia, di cultura, di civiltà, l’unica vera speranza per risolvere gli enormi problemi del mondo. Ma l’Europa, la grande sconfitta dell’ultimo conflitto mondiale, non può esserci finché esisterà un’Unione Europea che è la sua esatta antitesi.

Infatti l’Europa politica, unica vera realtà da costruire per ridare fiato e forza alle varie identità nazionali che la compongono, non c’è; esiste solo un pateracchio insignificante, che è il parlamento europeo, ed una banca, la BCE, che fa e determina le politiche economiche, fiscali e sociali di tutte le singole nazioni europee. Un autentico abominio affidare le politiche economiche di stati, che dovrebbero essere indipendenti e sovrani, ad una banca di fatto privata, proprio perché sottratta a qualsiasi controllo politico e quindi fuori dalla disponibilità dei popoli europei.

Un mostro giuridico questa Unione Europea, che ipocritamente ci spacciano per Europa, in realtà uno strumento di controllo totalitario fuori da qualsiasi principio di legalità, di costituzionalità e della, da loro tanto decantata, democraticità.

È ora di farla l’Europa politica ed io già la vedo non solo nella storia e nella cultura, di cui ampie vestigia e tracce ci sono nelle nostre città, ma soprattutto nel Governo italiano e nella piazza francese.

Due espressioni, forse poco consapevoli, ma che ci fanno sperare.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

Per una rivolta ideale

di Adriano Tilgher

Una notevole due giorni de “Il Pensiero Forte” a Montecatini Terme, sabato e domenica scorsi, sul tema “Per una Rivolta Ideale” con interventi stupendi di altissimo livello seguiti da un folto ed attento pubblico. Un importante sforzo organizzativo coronato da un meritato successo: quattro mezze giornate intense da cui siamo usciti tutti più consapevoli della dura battaglia che stiamo combattendo ma anche della ineludibile necessità di affrontare il confronto con le aberrazioni antiumane della società contemporanea.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Non è più tempo di eroi

Londra del 3 giugno 2017, tre uomini a bordo di un furgoncino Renault bianco noleggiato ad Harold Hill, hanno dapprima investito alcuni passanti che passeggiavano sul London Bridge per poi schiantarsi contro il Barrowboy and Banker Pub. I tre terroristi, usciti dalla vettura, hanno iniziato ad accoltellare i passanti. L'attentato causò 8 morti e 48 feriti, molti dei quali in gravi condizioni. La polizia diffonde un comunicato “Run, Hide, Tell”, cioè “corri, nasconditi e chiama”, un semplice cittadino, Roy Lerner, tifoso della squadra del Milwall, decide che non è il momento di fuggire, i terroristi indossavano (finte) cinture esplosive, sono scesi dal furgone urlando "lo facciamo per Allah", mentre probabilmente non avevano mai neppure letto il Corano, Roy gli si scaglierà contro, da solo, disarmato, al grido "sono del Milwall". Si beccherà numerose coltellate, che lo porteranno in ospedale.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.