L’Italia, la Francia, l’Europa.

L’Italia ha un governo che tira, che fa, che decide e, da solo, se la vede con l’Unione Europea che cerca di ostacolarlo in tutti i modi.

D’altra parte manca un’opposizione anche perché i servitori dei poteri forti sono stati delegittimati dai poteri forti stessi e il confronto con il Governo Italiano lo reggono i burocrati UE lautamente pagati.

Ma manca anche il sostegno della piazza che dovrebbe spingere affinché il Governo, da una parte, incalzi sempre più la UE per ottenere maggiori margini di autonomia per tirare l’Italia fuori dal baratro in cui l’hanno ficcata le politiche dissennate del centrodestra e del centrosinistra, dall’altra, affronti i difficili temi di una nazione, come la nostra, in piena decadenza etica, culturale, politica, identitaria.

Siamo messi proprio male e… la piazza non c’è!!!

In Francia al contrario un governo voluto costruito e mantenuto dai poteri forti in chiave anti Fronte Nazionale, viene pesantemente contestato dalla piazza. Una piazza viva, forte, propositiva, che palesa tutta l’ostilità verso un corpo estraneo, l’Unione Europea, di cui l’insignificante Macron è uno strenuo paladino.

La Francia sta meno male di noi ma… la piazza c’è!!!

E l’Europa?

L’Europa non c’è, non è mai nata; è la grande assente nella scena politica nazionale ed internazionale. Manca proprio l’Europa, il grande continente carico di storia, di cultura, di civiltà, l’unica vera speranza per risolvere gli enormi problemi del mondo. Ma l’Europa, la grande sconfitta dell’ultimo conflitto mondiale, non può esserci finché esisterà un’Unione Europea che è la sua esatta antitesi.

Infatti l’Europa politica, unica vera realtà da costruire per ridare fiato e forza alle varie identità nazionali che la compongono, non c’è; esiste solo un pateracchio insignificante, che è il parlamento europeo, ed una banca, la BCE, che fa e determina le politiche economiche, fiscali e sociali di tutte le singole nazioni europee. Un autentico abominio affidare le politiche economiche di stati, che dovrebbero essere indipendenti e sovrani, ad una banca di fatto privata, proprio perché sottratta a qualsiasi controllo politico e quindi fuori dalla disponibilità dei popoli europei.

Un mostro giuridico questa Unione Europea, che ipocritamente ci spacciano per Europa, in realtà uno strumento di controllo totalitario fuori da qualsiasi principio di legalità, di costituzionalità e della, da loro tanto decantata, democraticità.

È ora di farla l’Europa politica ed io già la vedo non solo nella storia e nella cultura, di cui ampie vestigia e tracce ci sono nelle nostre città, ma soprattutto nel Governo italiano e nella piazza francese.

Due espressioni, forse poco consapevoli, ma che ci fanno sperare.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

I sintomi e la malattia

di Adriano Tilgher

Non sono un medico ma, fra le cose che mi ha insegnato l’esperienza, so che i sintomi servono a capire qual è la malattia che li ha generati e che colpire i sintomi non vuol dire combattere la malattia. Ora, tornando sul piano politico, la questione Sea Watch, il problema immigrazione, l’incapacità, o meglio, l’impossibilità di una ripresa economica, la denatalità e il conseguente invecchiamento della popolazione, il costo e la mancanza del lavoro, la crisi della famiglia, il pressoché totale disinteresse verso la nazione e la solidarietà di popolo, l’assoluto distacco dei giovani dalle ragioni della crisi, la mancata difesa in tutti i settori degli interessi del popolo italiano sono solo alcuni dei sintomi della grave malattia che ha colpito l’Italia, e in generale tutta la società.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Nicola Bombacci; un esempio rivoluzionario

Non me ne voglia l'amico Andrea, se per una volta la spina nel fianco si sovrappone ad altra seguitissima rubrica del nostro giornale, quel Exemplis Vitae che ci racconta periodicamente vita e morte di quei personaggi della storia del "Pensiero Forte" da conoscere o riscoprire, ma se un Pensiero Forte deve essere istillato nella mente dei lettori, non può essere fatto senza parlare di Nicola Bombacci, detto Nicolino,  nacque a Civitella di Romagna, in provincia di Forlì, il 24 ottobre 1879, dopo i primi studi, fu iscritto al seminario di Forlì,  si allontanerà nel 1900 per frequentare la Regia Scuola Normale di Forlimpopoli, dove si diploma maestro, in  ritardo sui suoi coetanei, ma in contemporanea con un amico di 4 anni più giovane, Benito Mussolini. Nel 1905 si sposa, comincia una peregrinazione come insegnante per le campagne Emiliano Romagnole, è in queste peregrinazioni che avviene la sua conversione al socialismo.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.