Scuola di Pensiero Forte [30]: introduzione all'Ordine Sociale

Parlare di società, di politica, di bene comune dopo aver scrutato i fondamenti filosofici ed etici, ci motiva adesso a introdurre l’Ordine Sociale.

A prima vista queste due parole affiancate possono lasciare un po’ perplessi, suscitando differenti interpretazioni e definizioni; per dileguare ogni dubbio, immediatamente andiamo a identificare questi termini.

Aprendo il dizionario, leggiamo come prima definizione che la parola “ordine” significa “disposizione regolare di più cose collocate, le une rispetto alle altre, secondo un criterio organico e ragionato, rispondente a fini di praticità, opportunità, armonia e simili” (Treccani, anno 2018).

Sin da ora notiamo come l’ordine, un concetto ancestrale della mente umana e quasi indefinibile in maniera immediata e chiarissima, presuppone un giudizio della ragione. Se vi ricordate, all’inizio della nostra Scuola abbiamo visto come il giudizio sia l’atto proprio della ragione, di cui ogni persona senziente è capace, nucleo primordiale di ogni ragionamento.

L’ordine prevede che vi sia un oggetto, posto davanti alla ragione, che viene indagato da essa, viene appunto giudicato e, di conseguenza, collocato in un riferimento preciso fra altri oggetti. La mente distingue una cosa dall’altra e, operando il giudizio, seguendo un criterio definito, mette ognuna nel posto che più la aggrada. Tale atto avviene seguendo una regola (dice infatti “disposizione regolare”) che è il paradigma di tutta la struttura.

Infatti, se proseguiamo nella lettura delle definizione del nostro termine, vediamo che fa riferimento “non alla distribuzione spaziale ma allo stato in cui un oggetto o un ambiente è tenuto, in quanto sia più o meno rispondente a determinate esigenze”, ed anche è il “modo in cui vari elementi di una serie si susseguono (o devono susseguirsi) nello spazio, nel tempo o in una successione ideale”; e ancora esso è “il criterio, il metodo che si segue nel disporre ordinatamente le cose o gli elementi, anche ideali, di un insieme” (ibid,).

Fra le tante cose fatte dall’uomo nella storia, quella che più di tutti ci aiuta a riflettere sull’ordine è senza ombra di dubbio la matematica.

Per quanto questa scienza ci stia spesso antipatica e risulti ostica a tanti, essa è la incarnazione stessa, potremmo dire, dell’ordine: in matematica, ogni cosa è ordinata e senza ordine, niente funziona. Persino le altre scienze che derivano da essa, come la logica che è lo studio del pensiero umano, ci dimostrano che senza ordine niente può sussistere. Ma pensiamo anche alla biologia, o alla fisica e alla astronomia: ogni cosa ha un suo ordine, è definita all’interno di qualcosa di preciso, e fuori da tale ordine addirittura spesso non può esistere.

La perfezione stessa è ordine indefettibile.

Perché, dunque, ci interessa tanto l’ordine? Perché senza l’ordine, nemmeno la società può funzionare.

È di fondamentale importanza “mettere ordine”, come si usa dire, anche nel nostro studio. Un pensiero forte è un pensiero ordinato, dove ogni cosa sta al suo posto e persegue il suo fine; una politica forte è una politica dove l’ordine regna per portare al raggiungimento del Bene comune e della felicità della comunità.

Nel prossimo articolo della nostra Scuola cercheremo di indagare e comprendere l’ordine nel suo senso sociale.

 

 

 


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L’abominio del pensiero politicamente corretto

di Adriano Tilgher

Siamo all’assurdo ciò che è vero per la gente non lo è per gli sconfitti della storia e della politica. La sinistra attuale rifiutata in blocco dal popolo italiano utilizza in modo selvaggio ed antidemocratico i miracolati della loro gestione. Uno dei torti, ma non è l’unico, della gestione di centrodestra è di non aver fatto pulizia di tutti i quadri al servizio della parte e non della Patria. Il che forse sta a significare che tutto sommato erano compagni di merende ed è proprio questa la ragione profonda della vittoria massiccia delle forze antisistema.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Perché Sanremo è Sanremo

1971 nei Jukebox passa un brano originale, come solo i brani del post Beat sapevano esserlo: “La realtà non esiste”. L'autore un giovane cantautore milanese, alla ricerca di un proprio stile musicale, e di una più complessa ricerca spirituale, Claudio Rocchi. Rocchi nel 1969 entra come bassista negli Stormy Six, il gruppo viene notato da Alberto Salerno produttore per casa discografica Ariston, che produrrà il loro primo  Lp.: "Le idee di oggi per la musica di domani."

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.