Sul piano strategico

Individuata la dottrina di riferimento e definito il quadro politico attuale diventa opportuno darsi una precisa linea strategica entro cui muoversi.

 Da tutto questo emerge la necessità di riaffermare il nostro progetto strategico di sempre: collegarci alle fasce del malessere per darne voce e rappresentanza. Infatti è sempre più evidente che, tranne una ristretta cerchia di oligarchi, burocrati e amici degli amici, il resto della comunità nazionale è espulsa, non solo dai centri di potere, ma addirittura dalle fasce di sopravvivenza. Il ceto medio, che è stato l’ossatura e la forza dell’economia nazionale, è distrutto. I commercianti sono ormai schiacciati dalla grande distribuzione, i professionisti vengono emarginati da una serie di riforme che ne sviliscono il ruolo, l’artigianato è sempre più compresso dalle leggi di mercato e dalla sleale concorrenza degli immigrati che non pagano tasse ed utilizzano lavoro schiavistico, la piccola e media industria è disincentivata dall’ostracismo della burocrazia e dal costo del lavoro, il tutto sotto la cappa di un’oppressione fiscale senza precedenti. Sono questi i nuovi poveri cui si aggiungono impiegati, operai e salariati, rapinati di oltre il 50% delle loro entrate con l’introduzione dell’euro ed il sostanziale blocco delle retribuzioni. Senza dimenticare i disoccupati, i sottoccupati, gli esodati, i pensionati e gli studenti. È in pratica tutta la società cui bisogna dare voce con un partito che li rappresenti tutti qualunque sia stato il loro passato politico.

 Oggi, finalmente, esistono delle forze in campo che danno voce a questo malessere ma agiscono più per un’istintiva percezione della situazione che animati da una precisa volontà di costruire un’alternativa. Si viaggia ancora con un forte intuito senza avere chiaro il quadro da sostituire all’esistente. Come abbiamo detto manca l’esatta individuazione del nemico da battere perché si ragiona ancora in termini di nemici fisici, si sente ancora la necessità di identificare la persona da sconfiggere.

 Non si riesce a capire che il nemico è una concezione dell’uomo e della vita, è un sistema di potere che sta distruggendo i valori essenziali dell’essere umano e della civile convivenza. È questa concezione che va sconfitta e gli esseri viventi che si adeguano a questa concezione vanno rieducati, se possibile, o comunque messi in condizione di non nuocere più al prossimo ed in particolare alle future generazioni.

 Questa concezione antiumana nasce dal liberismo divenuto ideologia che riduce, alla stregua del comunismo, i rapporti umani a meri rapporti economici, per cui gli unici valori che contano sono quelli monetari: un uomo vale se possiede, altrimenti non vale nulla. Da qui la corsa all’accaparramento di beni e risorse con qualsiasi mezzo, il prevalere del malaffare e l’inversione dei valori. Una donna che usa il suo corpo per fare carriera non è più una prostituta ma una da ammirare ed imitare, un uomo che approfitta della sua posizione per incrementare i propri guadagni non è più un delinquente ma un uomo di successo. Se per avere successo bisogna passare sulla propria dignità, sugli interessi e la volontà dei propri cari, non si viene più additati al pubblico disprezzo ma si viene esaltati come se fossero degli esempi da seguire.

 Basta vedere quali siano i miti che ci propinano le televisioni e che tutti tentano di imitare per renderci conto della drammaticità della situazione: il mito, che spinge gran parte della gente ad affollare spettacoli spazzatura come quelli propinati dai vari Costanzo e famiglia, e i vari “cortili” dove non si ha il pudore della propria riservatezza, è il successo, la carriera, i soldi.

 Non si tratta di essere moralisti o bacchettoni si deve solo tornare ad una esatta valutazione dei valori in campo. Prima i valori umani poi quelli monetari.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

L'Italia che non cambia

di Adriano Tilgher

Ho piacere di sentire le tante riforme che il governo a trazione leghista vuole fare in questa legislatura, magari siglando un nuovo contratto con i pentastellati. Mi lascia però perplesso l’assoluta mancanza di riferimento a qualsiasi punto fermo di visione complessiva della politica, della vita, dell’uomo cui ancorare queste ipotetiche riforme.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

I "valori" dell'Occidente

Messina 11 Giugno 2019, il filosofo russo Alexander Dugin, autore fra altri importanti testi, de: "La quarta teoria politica", doveva tenere una conferenza nella sala Cannizzaro del rettorato dell’università, il tutto organizzato da mesi, e con il patrocinio del Comune, ad un giorno dall'evento, (come accaduto a Roma per la presentazione del libro "la mia Avanguardia" del nostro direttore Adriano Tilgher), la sala viene negata per volere del Rettore Salvatore Cuzzocrea.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.