Lo spirito del legionario

Non c’è da meravigliarsi se il mondo moderno sacrifica l’élite alla massa, la qualità alla quantità, realizzando una storia come puro divenire di cui si può, come ha fatto Fukuyama, preconizzarne addirittura la fine.

La storia moderna è passata dal mondo differenziato e qualitativo al mondo guerriero-feudale alle rivoluzioni borghesi all’affermazione del cosiddetto Quarto Stato, ovvero il mondo materializzato delle masse, per giungere allo stato liquido attuale. Il recupero di un pensiero forte, tutt’uno con uno spirito forte, può passare attraverso quello che Evola chiamava lo spirito del legionario. Non casualmente, infatti, le grandi guerre hanno prodotto una trincerocrazia dalla quale sono nati i tentativi di rinascita.

Oggi però le grandi guerre non coinvolgono più le società europee perché non ne esprimono più lo spirito; oggi le guerre sono di mero interesse economico e per combatterle è adatto il combattente per interesse, il mercenario, il contractor. Occorre, di conseguenza, trasferire lo spirito del legionario in tempi di pace, sia pure apparente; occorre tradurlo negli atti e nei gesti della vita quotidiana, anche quelli che sembrano banali e insignificanti, in modo da abituare lo spirito al disprezzo o almeno all’indifferenza verso quei beni che sono così inutili e così indispensabili agli uomini indifferenziati della massa.

Lo spirito legionario applicato alle minime cose consentirà di declinare la vita nei termini della dignità imperiosa, in forza calma e controllata nei gesti e nelle parole: consentirà di affrontare i ritmi velocissimi della contemporaneità, ma sempre affrettandosi con lentezza, secondo il motto latino del festina lente. Così questo spirito sarà pronto in caso venga chiamato a reimpostare il mondo e nel frattempo consente di minare dall’interno le forze che hanno sovvertito la realtà della vita.

Ma cos’è lo spirito legionario? È innanzitutto stile, non ha nulla di intellettualistico: è un’estetica che si riempie di contenuti etici; è sì cultura, ma cultura al servizio della vita. È stile di vita caratterizzato da mancanza di vanità, dal virile gusto dell’azione impersonale compiuta non perché conviene, ma perché intrinsecamente importante; non è un atteggiamento ascetico, ma riconoscimento delle giuste gerarchie per cui ciò che è materiale deve essere secondario rispetto allo spirito. È riconoscimento del posto conforme alla propria natura e quindi autovalutazione dei limiti e delle possibilità di sviluppo. Lo stile legionario, in definitiva, è essenzialità; è consentirsi il lusso di avere un carattere. È gusto della durezza verso se stessi; è darsi la misura più difficile per misurarsi.

È amare lo sforzo che è necessario per sviluppare se stessi e amare questo sforzo tanto più quanto esso è grande.


0
0
0
s2smodern

Editoriale

 

La valenza sociale del lavoro

di Adriano Tilgher

Per il liberismo il lavoro è soltanto un costo di produzione e, per le leggi di mercato, i costi vanno tagliati. In tale mostruosa concezione dei rapporti umani la fa da padrone il profitto economico individuale, senza tenere in alcuna considerazione il profitto sociale: ovvero tutta l’utilità che deriva per la comunità da un corretto rapporto sociale. 

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Aspettando il tuo ritorno

Caro Mario,

Non ti nego che provo una certa emozione mista a nostalgia, dovendo scrivere, a nome della Redazione del Pensiero Forte, un pezzo per la rubrica del Bastian Contrario. Una rubrica fatta su misura per te, per la tua penna intransigente, per i tuoi articoli, le tue riflessioni, ricchi di enfasi, passione, cuciti addosso a te, come medaglie sulla divisa di un soldato.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.