La morte di Astori e i giornalisti barbari

Domenica scorsa, il mondo del calcio, in Italia, si è fermato, per la morte di un giocatore di 31 anni, Davide Astori, capitano della Fiorentina. Una scomparsa improvvisa, per cause naturali, mentre dormiva, alla vigilia di una partita. Ovvio, per persone normali, bloccare tutto il circo, in segno di lutto e di rispetto, per un ragazzo che militava anche nella Nazionale. Eppure, giornalisti e opinionisti si sono scatenati, domandandosi e domandando se fosse stato giusto fermare il Grande circo.

Ecco, tutto quello che abbiamo ascoltato alla tv e alla radio e tutto quello che abbiamo letto, fa davvero rabbrividire. Per una volta, la prima, che il mondo del calcio si è comportato degnamente, mettendo il lutto e fermandosi, c’è stato chi, per vendere una copia in più o per guadagnare un ascoltatore o un telespettatore, ha fatto polemica anche su una tragedia come questa.

Niente di nuovo, si dirà. Vero, ma stavolta proprio non ce lo aspettavamo. Astori non era solo il capitano della Fiorentina, ma un bravo ragazzo e un buon padre, oltre che un ottimo calciatore. Gli sciacalli, però, dopo aver pianto, si sono gettati sulla preda e l’hanno buttata in pasto al pubblico. Una vergogna, che ci fa capire il livello bassissimo a cui è arrivato un certo tipo di giornalismo. E che ci fa capire anche che, talvolta, sono migliori i tanti bistrattati calciatori – che in questa circostanza si sono stretti in modo fantastico alla compagna e alla famiglia di Astori – di chi racconta le loro gesta.

Certo, non ci aspettiamo Gianni Brera, ma ci basterebbe leggere o ascoltare professionisti capaci di trasmettere emozioni o, semplicemente, di farci vivere, con la loro cronaca, una bella partita come se fossimo in campo. E, invece, dobbiamo leggere o ascoltare polemiche senza senso, che fanno orrore.

Si parla spesso dell’imbarbarimento della società, di come non ci siano più valori, eccetera eccetera. Purtroppo, sempre di più, chi scrive o parla di questi temi, è più barbaro dei barbari che ci vuole raccontare.  


Editoriale

 

Corinaldo: una grande tragedia, una società da cambiare

di Adriano Tilgher

Sproloqui, paroloni, lacrime, dolore all’immane tragedia di Corinaldo. Poi guardi la foto di quegli adolescenti morti e diventi triste e una rabbia cieca e sorda ti assale. Possibile che dei quasi bambini debbano morire in quel modo?  È concepibile che dei genitori abbiano potuto accompagnare o addirittura mandare soli dei minorenni in quella bolgia infernale per sentire un tizio autolesionista che canta canzoni stupide piene di oscenità e votate al male?

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco

 

Su Sfera Ebbasta

Corinaldo è un comune italiano di circa 5000 abitanti nella provincia di  Ancona, famoso per aver dato i natali a Santa Maria Goretti, da sabato  scorso il nome del piccolo comune sarà legato ad un altro Martirio,  quello di 5 adolescenti ed una giovane madre, martirizzati in nome di  una società, che più che "Dei Consumi" consuma, e più che libertaria, è  divenuta libertina.

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.