La moneta

di Adriano Tilgher

Io non sono un’economista, né uno studioso di tali cose, ma la grave crisi economica e il drammatico sistema di potere liberista ci costringe ad occuparci di questi temi ormai fondamentali soprattutto perché ne sono stati rivoltati i cardini essenziali.

Uno dei pilastri del potere è la moneta.

Lungi da noi l’idea di addentrarci nella storia delle origini o nelle dottrine monetariste, ma è opportuno capire alcuni concetti base sia sulla proprietà che sulla scarsità della moneta.

Preliminarmente va precisato che, non esistendo più il controvalore in oro della moneta circolante, l’unico motivo per cui una moneta abbia valore è che una determinata comunità ne accetti la circolazione. Pertanto, se l’accettazione popolare attesta la validità della moneta, va da sé che il vero proprietario della stessa è il popolo o per comodità lo Stato che lo rappresenta.

Questa espressione, in se banale, significa che detentore del signoraggio monetario dovrebbe essere il popolo e quindi l’utilità che ne deriva gli dovrebbe essere accreditata. Al contrario oggi non solo questo aggio viene attribuito alle banche che emettono moneta ma per di più tutta la moneta viene addebitata ai cittadini al momento stesso dell’emissione. Quindi si realizza una doppia usurpazione di sovranità.

Se poi consideriamo che la banca che emette moneta, come nel nostro caso la BCE, è una banca privata, senza alcun controllo da parte dei rappresentanti del popolo italiano, ci rendiamo conto che siamo ai limiti della truffa e del raggiro perpetrato con la complicità di una classe politica corrotta e venduta.

Questo meccanismo ci sta rendendo sempre più poveri ed incapaci di fare una programmazione economica che ci porti fuori dalla crisi.

A tutto questo, tra gli altri fattori a tutti noti quali la pressione fiscale, l’enorme burocratizzazione, la mancanza endemica di servizi…, dobbiamo aggiungere la scarsità di moneta in circolazione e la voluta riduzione della possibilità di usare moneta. Sono due elementi concordanti e concorrenti per rendere più efficace il controllo delle persone da parte del potere finanziario e per depauperarle  sempre più sia del potere di acquisto sia della sovranità in senso lato.

Le formule per uscirne sono semplici, ma le difficoltà vengono dalla forte opposizione da parte chi ha lucrato in questi anni impoverendoci sempre più. Basta approvare un semplice articolo di legge che stabilisca la proprietà popolare della moneta e ne attribuisca l’aggio allo Stato e non all’ente di stampa e distribuzione cui va riconosciuto soltanto il costo delle prestazioni effettuate. Purtroppo il terrorismo dei media, controllati tutti, da gli autori della truffa fa sembrare pericolosa una legge così semplice e banale, ma se non si rovescia la situazione siamo costretti a rimanere “schiavi”.


Editoriale

 

La partecipazione

di Adriano Tilgher

Il modo più efficace per riavvicinare i giovani alla politica consiste nel rendere le istituzioni un qualcosa di vivo, di partecipato, costruirle e farle percepire come realmente realizzate dal popolo per il popolo.

L’ evidente crisi di rappresentatività del sistema politico italiano attuale potrà essere superata soltanto quando lo Stato saprà riassumere la funzione di sintesi di tutte le sue componenti. 

Leggi tutto...

Video

Il Bastian Contrario

 

Un futuro, forse, senza barba

9 aprile 1969, Battipaglia, città di 30.000 abitanti, in provincia di Salerno. La gente si ribella scende in strada alla notizia della chiusura di due fabbriche. Verso la stazione ad occupare i binari far sentire l’urlo disperato contro l’ennesima ingiustizia contro il Meridione avvilito e depresso. 

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.