Lettera aperta al Presidente della Repubblica

di Adriano Tilgher

Egr. Presidente,

nel farLe gli auguri per l’odierno Ferragosto, non posso esimermi dall’esprimerLe la mia solidarietà per le difficili scelte che sono nelle Sue mani.

L’Italia è in un momento critico della sua storia...

e del suo cammino, è sulla soglia di una definitiva decomposizione che sarebbe nefasta non solo per il popolo italiano, ma per l’indispensabile costruzione dell’Europa e di un suo popolo.

Il popolo italiano, di cui Ella, in questo momento, è il primo ed il più importante rappresentante, ha dimostrato, anche se in modo scomposto e senza una visione preordinata, di voler cambiare e di desiderare delle scelte in controtendenza rispetto alla volontà precostituita sia del ceto politico, sia dei manipolatori di massa, quali sono i vari controllori dei “media” e dei “social”.

Nulla di razionale in tutto questo, solo istinto, puro istinto. Ma, se vogliamo credere nelle enormi capacità intuitive e creative del nostro popolo – come ci insegna la storia – non possiamo non tener conto di quanto emerge dalla pancia profonda degli Italiani, capirne ed interpretarne al meglio le indicazioni, liberi dai condizionamenti che vengono da più parti, come Lei, per il ruolo che occupa, sa meglio di me.

Io non credo nella democrazia di facciata, quale quella in cui viviamo oggi; credo profondamente nel diritto/dovere di tutti di partecipare concretamente alla vita politica e sociale della nostra amata Nazione ed il popolo italiano pare disperatamente proteso verso la ricerca di soluzioni in tal senso, che nessuno prospetta concretamente.

Gli Italiani sono riusciti, dall’epoca di “mani pulite” in poi, a modificare più volte, solo con il loro voto, il nostro panorama politico e a vanificare le astiose e talvolta violente contrapposizioni che ci hanno sempre contraddistinto.

Da qualche tempo a questa parte in Italia le elezioni vengono vinte da partiti che, per lo meno a parole, parlano di superamento dell’antitesi destra/sinistra e di non riconoscersi nelle contrapposizioni delle ideologie del passato.

La  molla che ha fatto scatenare questo fatto nuovo, nonostante il perpetuarsi, da parte dei rimasugli trasformati della vecchia partitocrazia, di proposizioni discriminatorie e tendenti a fomentare odi e contrasti ormai superati dai tempi, è quel malessere diffuso che serpeggia il tutti noi.

Lei, da buon cattolico, sa benissimo che il malessere non è solo economico, ma è soprattutto etico, sociale, esistenziale per l’assoluta mancanza di riferimenti certi, di qualsiasi genere, nella società in cui viviamo, soprattutto nel mondo occidentale.

Tutto il resto, leggi di bilancio, Europa, debito pubblico, PIL ecc. sono successivi alla ricostruzione interiore di un popolo.

Qua innesto il mio appello, non presti il fianco ai giochi di palazzo, non consenta la sopravvivenza di ciò che il popolo italiano, a larga maggioranza, ha manifestato di non volere più e, una volta espletate tutte le procedure che la legge Le impone, rimetta la decisione nelle mani del popolo, che in più occasioni ha dimostrato di avere molta più sapienza dell’attuale classe politica.

La ringrazio per la Sua attenzione e La saluto con deferenza.


Editoriale

 

ILVA: l'Italia massacrata

di Adriano Tilgher

“Dilettanti allo sbaraglio” è stata una delle definizioni meno offensive nei riguardi del governo Conte, Di Maio e Zingaretti, da me provocatoriamente definito governo Renzi, dal nome di chi li controlla e li gestisce a suo piacere. La definizione sembra “azzeccata”, ma lo è solo nella prima parte perché ad essere sbaragliati non sono i “dilettanti” ma gli Italiani e l’Italia tutta, che si sta coprendo di ridicolo e si sta giocando quello che rimane della sua capacità industriale.

Leggi tutto...

La Spina nel Fianco


 

Banda Bassotti

Enniskillen, contea di Fermanagh, Irlanda del Nord, 7 aprile 1894, nasce Charles Duff, fu autore di libri sull'apprendimento delle lingue fra cui "Italiano per principianti", e “Italiano per adulti”. Duff prestò servizio come ufficiale della marina britannica durante la Prima guerra mondiale e poi nella divisione di intelligence del Foreign Office, si dimise negli anni '30, sostenendo la propria solidarietà ai fascismi, e pronto a sostenere un sistema simile anche in Gran Bretagna. Fra i suoi libri più conosciuti "Manuale del boia" pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1928, tradotto in varie lingue, (in Italia è uscito per la Adelphi), il testo, una dissertazione agghiacciante e sarcastica di come si impicca un condannato, tecniche, e particolari, dalle dimensioni della corda, ad un gioco di contrappesi, fatto con sacchi di iuta pieni di sabbia. George Norman Douglas, scrittore britannico, famoso per il suo romanzo Vento del sud Scrisse: «Se ne avessi il potere, vorrei che su ogni tavolino (..), per la prima colazione, ci fosse una copia di questo libro».

Leggi tutto...

Questo sito si serve di cookies tecnici e di terze parti per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'uso dei cookies.